giovedì 16 settembre 2010

Detersivo in polvere alle Rose


L’ingrediente fondamentale qua è il bicarbonato. Con una semplice ricerca in Rete potete trovare tutte le sue proprietà,davvero numerose.
A noi basti sapere, in sintesi, che il bicarbonato è:
-solubile in acqua
-non solubile nell’alcool
-delicatamente abrasivo
-antimicotico (impedisce la formazione dei funghi)
-assorbe gli odori
Il bicarbonato rende l’ambiente debolmente alcalino (porta cioè le soluzioni in cui è disciolto ad un pH compreso tra 7 e 14), e rende quindi impossibile la sopravvivenza di batteri che vivono in ambiente neutro o debolmente acido. Più la vostra soluzione sarà satura di bicarbonato, più il suo potere igienizzante sarà maggiore.
Questo per quanto riguarda la chimica e il mio vecchio professore di Chimica Organica..
Tutto questo ci fa intuire che, per pulire ed igienizzare le superfici della cucina e del bagno possiamo utilizzare semplicemente del bicarbonato sciolto in acqua. Ma, se volete qualcosa di meravigliosamente profumato…fate così:
Detersivo della Fata delle Rose
una tazza di bicarbonato
petali di rosa essiccati e sbriciolati-meglio con le mani, perchè rimangono profumate ed è una sensazione stupenda
4 o 5 gocce di olio essenziale di tea tree
una decina di gocce di olio essenziale di mandarino
4 o 5 gocce di olio essenziale di arancia dolce o amara
Mescolate tutto, con cautela per far amalgamare l’olio essenziale. Chiudetelo in un barattolo di vetro, e utilizzatelo su un panno umido per pulire lavandini, ripiani, mensole, scrigni segreti.
La rosa e il mandarino conferiscono vibrazioni collegate all’amore e all’energia solare. Utilizzate questo detergente visualizzando amore, amore che entra nella vostra vita, insieme al sole di primavera.
Aggiungo un piccolo EDIT a questo articolo: dopo una gradita consultazione con Fabrizio Zago, vorrei precisare alcune cose riguardo all’uso del bicarbonato, che ho espresso in maniera imprecisa poco sopra:
Il bicarbonato fornisce spontaneamente un pH appena superiore a 7 e quindi “tampona” l’acqua a quel valore di pH lì,cioè neutro. L’ indicazione “tra 7 e 14” può essere fuorviante se scritta come ho scritto sopra, perché a quel punto ci si potrebbe aspettare anche un possibile pH “estremo”. Sono estremi i pH superiori a 11,5 ed inferiori a 2.
Per quanto riguarda la disinfezione, ricordatevi che esistono batteri che comunque sopravvivono anche in ambiente basico, i cosiddetti basofili.
Per ottenere una protezione completa dalla proliferazione batterica e micotica dobbiamo avere una soluzione con pH superiore a 11.
Questo detersivo, dunque, può essere utilizzato su lavello, superfici varie, anche nel bagno, ma non può sostituire i prodotti per la disinfezione totale.
Fonte tratta dal sito .

0 Comments: