martedì 10 maggio 2011

La Ratio dei Miliardari Eugenetisti

Il 5 maggio 2009, alcuni dei più noti membri del "club dei miliardari" - David Rockefeller, Bill Gates, Ted Turner, Oprah Winfrey, Warren Buffett, George Soros, Eli Broad, Peter G. Peterson, Patty Stonesifer, John Morgridge , Michael Bloomberg e pochi altri - si sono segretamente incontrati a Manhattan presso la residenza di Sir Paul Nurse, il presidente della Rockefeller University. L'incontro è stato stranamente simile ad un altro incontro che ha avuto luogo il 20 gennaio 1942, in Wansee, un sobborgo di Berlino in cui alcuni alti funzionari nazisti, guidati dall’Obergruppenfuhrer delle SS Reinhard Heydrich, hanno spassionatamente discusso sui metodi più efficaci per realizzare la ‘soluzione finale’ della questione ebraica. Anche se gli ebrei europei sono stati i principali obiettivi per l'eliminazione, altri gruppi, soprattutto slavi, rom ed i disabili tedeschi mentalmente e/o fisicamente, sono stati perseguitati e uccisi. Il tributo di morte totale era stimato tra i 12 ed i 26 milioni di persone.

Come previsto, i media statunitensi sono stati molto attenti a non informare il popolo americano in merito alla riunione dei miliardari di Manhattan, ma alcuni dettagli sono comunque trapelati. Citando una persona anonima che ha partecipato alla riunione, un importante quotidiano britannico ha riferito che "è nato un consenso su di una nuova strategia in cui la crescita della popolazione potrebbe essere affrontata come una minaccia potenzialmente disastrosa per l’ambiente, la società e l’industria".

Secondo altre fonti, i miliardari hanno partecipato alla riunione segreta convocata su iniziativa di Bill Gates. Da credibilità a questo il fatto che Gates aveva fatto menzione di argomenti simili in una conferenza in cui ha partecipato il 18 febbraio 2010 a Long Beach, California. "Su proiezioni ufficiali, la popolazione mondiale raggiungerà il picco di 9,3 miliardi di persone [dai 6,6 miliardi di oggi], ma con iniziative benefiche, quali una migliore salute riproduttiva, pensiamo di poterla arrestare a 8,3 miliardi", come affermato da Gates. Tradotto in linguaggio corrente, significa che il signor Gates intende partecipare alla uccisione di oltre un miliardo di esseri umani. Altro presente alla riunione di Manhattan è stato lo zar dei media Ted Turner, il miliardario fondatore della CNN che ha dichiarato in un'intervista del 1996 per la rivista Audubon natura, in cui ha detto che una riduzione del 95% della popolazione mondiale, compresa tra 225-300.000.000 uomini, sarebbe "l’ideale". In un intervista del 2008 a Philadelphia, alla Temple University, Turner ha perfezionato il numero in 2 miliardi di persone, con un taglio di oltre il 70% rispetto alla popolazione attuale.
La famiglia Rockefeller è conosciuta per la generosità nel contribuire, attraverso la loro non-profit, "filantropica" fondazione, per tutte le cause il cui scopo è il controllo della popolazione. In realtà essi sono stati fondamentali nella creazione del movimento di eugenetica negli Stati Uniti, che poi è stato esportato in Germania, dove i nazisti l'hanno portata al suo massimo sviluppo. Fin dai primi anni del 1920 la fondazione Rockefeller iniziato a finanziare la ricerca eugenetica in Germania attraverso l’istituto Kaiser-Wilhelm di Berlino e di Monaco. A partire dal 1950, John D. Rockefeller III, ha usato i suoi soldi per creare le fondamenta di un programma neo-malthusiano di riduzione della popolazione attraverso il suo centro privato ‘Population Council’ di New York. Non è una coincidenza che tutti i miliardari che hanno partecipato alla riunione di Manhattan sono convinti sostenitori della creazione di un Nuovo Ordine Mondiale. Il NWO si immagina come un regime globale, communo-fascista totalitario, che sarà attuato dopo aver ucciso il 70% della popolazione mondiale attuale e ridotto i sopravvissuti in un livello pre-industriale di consumo. Questa sarà una società tecno-fascista medievale senza classe media, con solo i servi della gleba sporchi e poveri confinati nelle città decadenti ed i padroni miliardari che vivono in castelli fortificati, godendo della bellezza di una Gaia depopolata.
Alcuni ingenui potranno vedere questa come un altro teoria del complotto infondata. La loro logica è basata sulla convinzione che non potrebbero voler uccidere proprio noi, quando hanno bisogno di noi in quanto consumatori per assorbire ulteriormente le loro fortune. Dobbiamo ricordare che, quando si diffuse la notizia che i nazisti stavano uccidendo gli ebrei, alcune persone, tra cui alcuni ebrei stessi, non vollero crederci. I nazisti, nel loro ragionamento, hanno bisogno di loro per sfruttare il lavoro degli schiavi nelle fabbriche di guerra. Purtroppo, quelli che la pensavano così finirono nei campi di sterminio. Cercare di trovare della logica nelle menti degli assassini di massa è un esercizio pericoloso e frustrante.
All'inizio di quest'anno, il giornalista ambientale Bryan Nelson ha scritto su di una nuova ‘Madre Natura’ nella sua relazione dal titolo "E’ stato Gengis Khan il Conquistatore più verde?" In essa, egli ha sostenuto che le invasioni di Gengis Khan nei secoli 13° e 14° erano così ampie, che "sono state la prima istanza nella storia di una singola cultura tali da provocare il primo cambiamento climatico provocato dall'uomo." Secondo Nelson, Gengis Khan ha contribuito a raffreddare l'ambiente con un "efficace riduzione di circa 700 milioni di tonnellate di carbonio dall'atmosfera." Ovviamente, se Nelson sopravviverà all'uccisione di massa prevista, potrà felicemente scrivere un articolo sostenendo che i miliardari eugenisti hanno acquisito il loro giusto posto nella storia come i più verdi assassini di massa della storia umana. Non sarei sorpreso se qualcuno suggerisse di intagliare le loro facce sorridenti nel Mount Rushmore per onorare il loro successo nel salvare Gaia da noi mangiatori inutili. Se fosse stato un gruppo di persone segretamente incontratesi per pianificare l'assassinio di una sola persona, sarebbe stato un complotto per commettere un omicidio: un crimine punito dalla legge statunitense. Ma, anche se la riunione di Manhattan infine è trapelata alla stampa, nessuno degli aspiranti assassini di massa sono stati incriminati. Ovviamente, questi miliardari si sentono al di sopra della legge, perché sono al di sopra della legge.
La ‘ratio’ degli aspiranti assassini di massa di voler uccidere più di un miliardo di noi è che le risorse della Terra sono limitate, e si consumano e che noi inquiniamo troppo. Ma solo un'analisi superficiale del problema evidenzia che uno solo qualsiasi dei miliardari che hanno partecipato alla riunione segreta consumano e inquinano di più in un solo giorno che il popolo di alcuni piccoli paesi del terzo mondo in un anno. Pertanto, mi sarei aspettato che, se volevano davvero risolvere il problema con il fine di salvare il pianeta, avessero l’intenzione di suicidarsi dopo aver ucciso le loro famiglie. In realtà, solo dal punto di vista dell'efficienza, tale soluzione potrebbe essere molto più pratica. E invece no. I miliardari superinquinanti vogliono farlo nel modo più difficile, uccidendo tu, io, e molti altri miliardi di persone. Credo che attualmente Hitler, Stalin, Mao e Pol Pot si stiano rivoltando nella tomba, sapendo che questi miliardari stanno cercando di battere i loro record, come gli assassini di massa più grandi della storia moderna.
Fonte tratta dal sito .

0 Comments: