sabato 18 giugno 2011

Martin Varsavsky: la connessione 15-M con la fondazione Rockefeller.




Martin Varsavsky è la prima prova tangibile (e sicuramente non sarà l’ultima) che collega molto strettamente il movimento 15-M con la famiglia più potente e criminale che il mondo abbia conosciuto: il clan Rockefeller (ci stavano impiegando un po’ ad apparire!)

Questo miliardario argentino di origine ebraica e formato accademicamente nelle università più prestigiose degli USA, chiamato Martin Varsavksy, recentemente, e facendo sfoggio di uno spirito filantropico improprio ad una persona che ha accumulato tutta una fortuna colossale lasciandosi guidare dalla più abietta avarizia, ha facilitato agli “accampati” del 15-M in Spagna la possibilità di connettersi gratuitamente a internet, via wifi, ordinando l’installazione dei suoi famosi router (della compagnia Fon, di sua proprietà), in tutti gli accampamenti più importanti del 15-M.
Ma cosa avrà spinto Martin Varsavsky ad un atto tanto generoso, in più tenendo conto che si tratta di un uomo abituato ad agire esclusivamente con la prospettiva dell’interesse e guadagno personale? E’ stato forse contagiato dallo spirito natalizio del racconto di Dickens?
Per comprendere e poter spiegare meglio questo sospetto comportamento filantropico, vediamo chi è Martin Varsavsky, i suoi vincoli con la potente famiglia Rockefeller e gli interessi che questi potrebbero avere nell’estensione di un movimento come quello del 15-M.
Il sostegno di Varsavsky al 15-M non si è limitato solo a prestare il suo aiuto sul terreno informatico ma è stato anche un importante protagonista mediatico dello stesso, sia a livello locale che internazionale, pubblicando articoli in inglese in diversi dei più prestigiosi mass media mondiali nei quali non pone freno agli elogi per esprimere la sua ammirazione verso gli “indignados”.

Questo particolare “indignato” è il fondatore di sette grandi aziende, tra le quali ci sono : ya.com o Jazztel, nel campo delle telecomunicazioni, e Medicorpo Sciences nel campo degli affari farmaceutici. Quest’ultima si dedica allo sviluppo e creazione dei famosi test dell’Aids. Questi test sono stati segnalati in molteplici occasioni, perché non sono mai in grado di riconoscere l’HIV (presunto virus collegato all’AIDS) ma basandosi sulla reazione degli anticorpi di ogni persona sottoposta a test, si decide di etichettarla come HIV positivo o no, indipendentemente dal fatto che sia portatore di alcun virus. Per questo motivo sono molto frequenti i falsi positivi.
Nonostante la poca credibilità, (una persona che ha recentemente avuto un raffreddore può essere positivo), questi test sono stati molto utili al momento di ottenere futuri consumatori a lungo termine (non inferiore al resto della loro vita) di tossici e costosissimi retrovirali come l’AZT. Proprio la famiglia Rockefeller è la maggiore beneficiaria di tutto l’affare montato intorno all’ HIV-AIDS , dall’inizio degli anni ‘80 del secolo scorso, essendo proprietaria e azionista di praticamente tutta l’industria che vi ruota intorno (studi, test, produzione di retro virali….)
Ma al di là di questa coincidenza di interessi economici nel macro-business dell’AIDS, dove più chiaramente si può vedere il legame tra Varsavsky e i Rockefeller, è in varie delle “fondazioni” dove entrambi partecipano, agendo come presidente o membro del consiglio di amministrazione, il primo come patrocinante, i secondi, potendo apprezzare il rapporto di impiegato-datore di lavoro.
Da una parte abbiamo la Safe Democracy Foundation, nella quale già s’ incoraggiava una rivoluzione nell’UE tipo quella del 15-M prima che questa apparisse , fondazione della quale Varsavsky è presidente, e la Fondazione Rockefeller abituale collaboratrice . Qualcosa di simile avviene con la Clinton Foundation (grande propagandista dell’affare HIV-AIDS) e One Voice (piattaforma sionista) della quale il nostro protagonista è membro del consiglio amministrativo e la Fondazione Rockefeller (insieme alla Fondazione Soros, tra le altre) è patrocinante.
Una volta visto che uno dei più importanti sostenitori del 15-M è un uomo strettamente legato ad una delle famiglie più potenti del mondo, vediamo gli interessi che questi potrebbero avere in un movimento, apparentemente contestatore, come il 15-M o quello degli indignati.
Durante tutta la sua vita, la famiglia Rockefeller (in alleanza con altri uomini delle grandi finanze come i Rothschild, Morgan e Ford) ha avuto un piano nella mente: il controllo totale delle risorse del pianeta (energia, alimenti e anche umane), e per ottenerlo considerava come necessaria l’apparizione di un governo mondiale unico, capace di legiferare in modo globale e totalitario, violando la sovranità e le aspirazioni dei differenti popoli, a proprio beneficio (privatizzazione dei servizi pubblici). In tal senso hanno dato impulso alla creazione d’ istituzioni come l’ONU, il FMI, o la BM. Un esempio recente è la guerra contro la Libia, approvata e sostenuta dall’ONU, e di cui uno degli obiettivi è quello di mettere a completa disposizione delle multinazionali petrolifere occidentali le risorse energetiche di tale paese.
Per realizzare questo sogno totalitario di centralizzazione assoluta del potere mondiale e ottenere una completa sottomissione dei popoli agli interessi privati di un gruppo di oligarchi, è necessaria la disarticolazione dei vecchi Stati-nazione. Con quest’obiettivo sono state spinte le cosiddette rivoluzioni colorate nello spazio post-sovietico; con quell’obiettivo sono state spinte e si spingono le rivolte degli indignati (ricordiamo le prossime convocazioni a livello mondiale, 19-06 e 15-10-2011, annunciate come #worldrevolution). I diversi Stati-nazione (chi più e chi meno) sono l’ultimo (o penultimo) ostacolo tra gli interessi dei grandi gruppi finanziari e il controllo totale ed assoluto, da parte di questi, delle risorse del pianeta, da qui il tanto ardente desiderio della loro sparizione.
Con tutto questo non voglio dire che i vecchi Stato-nazione supponevano qualche tipo di beneficio per il genere umano, dato che non erano altro che un metodo per sottomettere la stragrande maggioranza della società agli interessi di una minoranza dominante; in altre parole, si trattava di un primo passo necessario per mettere le radici dell’attuale sistema schiavista.
Quello che voglio dire è che con questa nuova centralizzazione totalitaria del potere, camuffata sotto una falsa apparenza di rispondere ad una serie di domande popolari (sotto le quali si nascondo perversi messaggi subliminali: “non vogliamo abolire l’attuale sistema di schiavitù stipendiata, vogliamo solo migliorare le nostre condizioni di schiavi” o “il pubblico non funziona quindi c’è bisogno di un cambiamento”) realizzate da un movimento più mediatico che reale (15-M, indignati) si propone di dare un giro di vite in più alla condizione di sfruttati (schiavi stipendiati) che patisce la stragrande maggioranza del genere umano.
Vale a dire, l’oligarchia mondiale, il cui esponente è il clan Rockefeller (in alleanza con altri clan come i Rothschild, Morgan o Ford) cerca di rafforzare le nostre catene, concentrando ancora di più i centri del potere (governo mondiale) per rendere più vulnerabile la sovranità popolare, in favore degli interessi privati. Qualcosa che si pretende di fornire come una risposta alle richieste popolari, dato che in un altro modo non sarebbe accettato dalla maggior parte della popolazione. Da qui l’interesse di promuovere movimenti mediatici e spettacolari, apparentemente popolari, usando i loro più fedeli cortigiani (Enrico Dans, Punset, Mayor Zarazoga, o lo stesso Martin Varsavsky) che sotto l’apparenza di chiedere migliorie sociali, cercano solo la distruzione dell’ordine attuale e l’implementazione di uno nuovo, più favorevole agli interessi degli oligarchi.
Una volta ottenute le riforme desiderate, e dopo un periodo di governance mondiale totalitaria, probabilmente, il seguente passo sarà la distruzione di questo stesso governo mondiale, con lo scopo di eliminare tutto quello che potrebbe implicare un minimo ostacolo tra schiavisti e schiavi. Il fine perseguito è di lasciare la specie umana totalmente alla mercè dei capricci di un pugno di autentici psicopatici.
Benvenuti alla Rockefeller Revolution! Prossimamente ritrasmessa sui vostri schermi.
Se vuoi sapere un po’ meglio verso dove punteranno prossimamente vi raccomando di leggere tra le righe dell’articolo dove Rockefeller Boy Varsavasky davano il loro sostegno al 15-M (10). Le loro ricette, come non poteva essere altrimenti, sono: centralizzazione del potere, competitività e sparizione del settore pubblico.

Fonte tratta dal sito .

0 Comments: