lunedì 17 ottobre 2011

Le città più ecologiche

Svettano le città del Nordest, seguite un po' da tutto il Norditalia, dove si concentrano buone pratiche amministrative. La classifica di Ecosistema Urbano...
Le città del Nord, ed in particolare del Nordest, sono le più verdi. Si collocano infatti cima all'indagine Ecosistema urbano, l'annuale monitoraggio condotto da Legambiente e Ambiente Italia in collaborazione con Il Sole 24 Ore sullo stato di salute degli agglomerati urbani.
La ricerca, giunta alla 18ª edizione, presenta un'importante novità: è stata realizzata suddividendo in tre gruppi i comuni capoluogo in base alla popolazione (oltre 200mila, tra 80mila e 200mila e meno di 80mila abitanti) inmodo da rendere più veritiero sia il confronto fra le performance sia la pagella finale.
Ecosistema urbano si articola su più fronti di indagine, dall'aria ai trasporti, dall'acqua al verde urbano fino alle iniziative per la mobilità, senza trascurare l'impegno diretto delle amministrazioni locali e delle imprese.
Tra le città grandi vince Venezia, che spicca negli indicatori riguardanti il trasporto (traffico privato praticamente a zero ed elevato grado di utilizzo e di offerta di mezzi pubblici) e il verde. Dietro la città della Serenissima seguono Bologna, e più staccate Genova e Verona.
Tra le città medie vince Bolzano, seguita a Ruota da Trento e poi da Parma.
Il capoluogo alto-atersino ha dalla sua dei buoni piazzamenti nel capitolo aria e acqua (bassa concentrazione di polveri sottili ed efficiente servizio di depurazione), nella ciclabilità, nelle politiche energetiche e nelle pratiche «amiche dell'ambiente» dell'ente locale.
Belluno, infine, si aggiudica il primo posto tra le città piccole, perché può vantare risultati soddisfacenti su una molteplicità di versanti: emissioni inquinanti, trasporto collettivo, circolazione alternativa, teleriscaldamento, rifiuti (scarsa produzione e raccolta differenziata al 65%, dieci punti oltre l'obiettivo fissato dalla Ueper il 2010). All'estremità opposta – si legge nel rapporto di Ecosistema urbano – ci sono le città del Sud, con le solite pecche e i soliti limiti, mentre in mezzo «c'è l'Italia dei centri urbani, luoghi dove, con un grande sforzo di ottimismo, si fa fatica a rintracciare qualche segno di indiscutibile miglioramento». In effetti nella classifica finale e nei singoli indicatori – pur in presenza di qualche miglioramento– si legge una certa staticità. E la cronaca degli ultimi giorni (emergenza inquinamento, avvio della classica ricetta delle domeniche a piedi, riproporsi dell'allarme rifiuti, congestione da traffico privato, problemi idrici in alcune zone del
territorio) conferma che per i centri urbani l'emergenza non è mai finita. E che la sostenibilità ambientale – soprattutto in questa fase di risorse in calo – resta un proposito sempre più difficile da mettere in atto.
Fonte tratta da sito .

0 Comments: