mercoledì 19 settembre 2012

Ex-agente KGB rivela le tecniche di controllo mentale


Un ex ufficiale del KGB ha divulgato segreti particolari di tecniche di controllo mentale che i servizi segreti nelle nazioni sviluppate hanno usato durante e dopo la Guerra Fredda, un quotidiano di governo russo ha detto: Il Generale Boris Ratnikov, che ha prestato servizio nel dipartimento del KGB a Mosca, ha riferito che i governi hanno fatto sempre ricorso a vari metodi per manipolare i pensieri degli individui fin dai tempi antichi, e che non c’è da stupirsi che i servizi segreti attuali hanno adottato questa pratica quando la stessa ha acquisito un fondamento scientifico nel 20° secolo.

“È difficile immaginare la guerra che scoppiò in questo settore nella prima metà del secolo scorso. Sembrerebbe quasi un'esagerazione dire che a volte le battaglie reali sono state condotte in questo modo”.

Verso la metà degli anni ‘80, circa 50 istituti di ricerca in Unione Sovietica, hanno studiato tecniche di controllo mentale a distanza, la ricerca è stata sostenuta da finanziamenti statali, ma tutti i loro sforzi sono stati interrotti con la fine dell'impero sovietico nei primi anni ‘90.

Ratnikov, successivamente vice capo e poi consulente senior presso la Guardia Federal Service dal 1991 al 1997, aveva il compito di salvaguardare alti funzionari nella Russia post-sovietica, da qualsiasi influenza esterna sul loro subconscio.

Il generale ha oltretutto affermato con enfasi, che lui ei suoi colleghi non hanno mai manipolato la mente dell’allora presidente Boris Eltsin, o dell’economo riformatore Egor Gaidar, ma ha sostenuto di aver usato la lettura della mente, per salvare il primo presidente russo e il paese da una guerra con la Cina.

Yeltsin programmò di visitare il Giappone nel 1992, ma il dipartimento Ratnikov, ha rilevato tentativi di 'programma' mentale sul presidente per fargli cedere le Isole Curili, La mossa avrebbe portato a richieste provenienti dalla Cina per riconquistare i suoi territori contesi dalla Russia, provocando così un conflitto che avrebbe potuto portare ad una guerra tra vicini di casa.

Eltsin quindi dovette annullare il viaggio.

Un'altra delle rivelazioni del generale è che funzionari di alto livello in Europa occidentale e negli Stati Uniti, hanno involontariamente fornito informazioni al suo reparto, che è stato in grado di leggere nelle loro menti.

Nei primi anni ‘90, Ratnikov e suoi colleghi hanno “scansionato” la mente del nuovo ambasciatore statunitense Robert Strass, e si accorsero che nell'edificio dell'ambasciata erano contenute apparecchiature psicotroniche che sarebbero servite ad esercitare un'influenza sui residenti di Mosca, ma (ha rivelato il generale al giornale) venne disattivato.

Ulteriori dettagli sulle armi psicotroniche: Ratnikov ha detto che sebbene la Russia, gli Stati Uniti e altri paesi avevano la tecnologia necessaria, era pericoloso usarla, perché c’era il rischio che sia il gestore del arma, che la persona che avrebbe dato l'ordine di usarla, sarebbero potuti improvvisamente cadere gravemente malati o addirittura morire.

Fonte tratta dal sito .

0 Comments: