lunedì 3 giugno 2013

Bilderberg 2013: i globalisti boicottano Alex Jones e i suoi giornalisti


Alex JonesGli adepti del Gruppo Bilderberg hanno boicottare il gruppo di giornalisti affiliati alla testata infowars. Sembra che siano state addirittura cancellate tutte le loro prenotazioni al Grove Hotel. Questo è considerata un'azione senza precedenti per bloccare la libertà di stampa.
Il direttore dell'hotel ha informato che dopo delle “consultazioni con i servizi di sicurezza”, in preparazione di una grande conferenza che si terrà la prossima settimana, tutte le prenotazioni delle camere sono state annullate.
Alla domanda se Alex Jones e il suo collaboratori sono stati considerati un “rischio per la sicurezza," il direttore ha risposto “Non sto insinuando che...”, suggerendo che le camere sono state annullate semplicemente perché il Club Bilderberg ha ordinato di farlo.
La macchina di sicurezza che protegge il Bilderberg ha un prezzo enorme che viene pagato dai contribuenti, si tratta di milioni di sterline. Le forze dell'ordine non vogliono giornalisti vicino al lussuoso Grove hotel per evitare di cagionare disturbo ai membri del Club Bilderberg.
Questo rappresenta un atto d'accusa schiacciante di come il Club Bilderberg è composto da fanatici del controllo autoritario che disprezzano la trasparenza e la libertà di stampa, nella misura in cui la società esercita il potere su imprese private come il Grove, al fine di causare problemi per i membri dei media.
Tutto questo ha coinciso con un attacco hacker al portale Infowars.com, durato ben 12 ore.
Queste tattiche rispecchiano quello che è successo ad Alex Jones e ai suoi giornalisti lo scorso anno quando sono stati cacciati fuori dal Marriott Hotel di Chantilly giorni prima della riunione Bilderberg. La Polizia anche allora cercò di allontanare Jones e i suoi giornalisti anche da altri hotel ubicati nelle vicinanze.
Fonte tratta dal sito .

0 Comments: