venerdì 28 febbraio 2014

LA GUERRA SEGRETA DEL CIBO, AVVELENATO DI PROPOSITO PER NOI.


  mikeadams
Dopo aver analizzato al Natural News Forensic Food Labs [un progetto di analisi in laboratorio che Mike Adams sta portando avanti da tempo] 1000 cibi, tra cui “superfoods”, vitamine, junk foods (cibi da fast food) e note bevande, per misurare la presenza o meno di metalli pesanti in essi, le mie conclusioni sono così allarmanti ed urgenti che posso solo dirle fuori dai denti.
Sulla base di ciò che sto vedendo attraverso l’analisi con spettroscopio atomico, riguardo alle sostanze alimentari che le persone stanno consumando quotidianamente, devo annunciare che la battaglia per l’umanità è quasi persa.


Le forniture di cibo sembra siano intenzionalmente progettate per porre fine alla vita umana, piuttosto che nutrirla. TOSSINE PER DISTRUGGERE LA VITA, inserite intenzionalmente nel cibo
Il mio laboratorio ha scoperto prova scientifica che le sostanze sono intenzionalmente formulate e messe nei prodotti alimentari, per indurre nei consumatori disturbi mentali, causando al contempo infertilità a largo raggio, danno agli organi e perdita di ogni abilità di poter pensare in modo razionale e consapevole.
Queste sostanze tossiche si possono trovare in tutta la catena alimentare, inclusi cibi convenzionali, cibi biologici, prodotti “naturali”  e integratori alimentari
Questo va ben oltre la semplice contaminazione da metalli pesanti nei cibi: un tema in sè che comunque si scava la fossa da solo.
Si tratta invece di una formulazione intenzionale di sostanze tossiche nei prodotti consumati regolarmente dalle masse.

Il risultato è ciò che vedete intorno a voi ora: pazzia di massa, incredibili escalation di criminalità negli operativi politici, disturbi mentali clinici in aumento tra scrittori e reporter dei media mainstream, diffusa infertilità tra le giovani coppie, enormi problematiche legate a disfunzioni renali e pazienti dializzati oltre ad una quasi totale mancanza di pensiero razionale tra le masse votanti.

Gli effetti di tutto questo sono devastanti per la civiltà umana: il collasso di una forza lavoro capace, l’aumento di masse che dipendono dal governo per la loro sopravvivenza, il collasso delle libere democrazie causa il ritardo cognitivo delle masse votanti, una popolazione carceraria in esplosione, l’aumento di sistemi detentivi multinazionali allo scopo di fare profitto e persino il quasi totale collasso di ogni abilità da parte del pubblico “consumatore di notizie”, di fare l’analisi grammaticale e comprendere persino le informazioni più basiche sui grafici del debito nazionale.
Gli effetti a lungo termine di questo diffuso fenomeno di intossicazione da cibo, saranno il crollo totale della moderna civiltà umana per numerose ragioni, che vanno dalla non sostenibilità economica alla distruzione ambientale, all’aumento globale della violenza politica, come stiamo vedendo proprio ora a Kiev.
Qui al Natural News Forensic Food Lab abbiamo raccolto sempre più risultati documentati e questo ha per me reso sempre più evidente, che l’umanità non può sopravvivere all’avvelenamento ingegnerizzato e di massa nella catena alimentare.

Naturalmente siete distratti da tutto questo, con il calcio, le lotterie, le notizie scandalistiche delle “celebrità”, i drammi politici inscenati ad hoc e naturalmente le continue distrazioni tipiche di ogni impero che si stia sgretolando: gli sport violenti.
Quel che stiamo trovando nei cibi, nelle vitamine e negli integratori

Fino ad ora ho pubblicato [si veda sul suo www.naturalnews.com] solo poche note che grattano appena la superficie, di quel che stiamo trovando. Ecco qui nel seguito un riassunto delle scoperte incredibilmente shockanti che abbiamo documentato:

• L’attuale e infausto "yoga mat chemical", la sostanza chimica impiegata per fare i tappetini yoga, usata da Subway [uno dei più grandi panifici USA] nei suoi vari tipi di pane, è ampiamente usata anche nella industria del fast-food.
McDonald, Chik-Fil-A, Wendy, Arby e anche molti altri ristoranti, usano la sostanza chimica azodicarbonamide – E927-  che viene messa in relazione al cancro.
Attenzione: non si tratta di un contaminante, ma di un ingrediente che viene appositamente aggiunto alle ricette, perché la sostanza chimica venga consumata dalle masse.
Non c’è una spiegazione logica del perchè una sostanza chimica come l’azodicarbonamide necessiti di essere aggiunta alle ricette dei pani e filoncini del fast food.  Questa sostanza chimica non serve né ha uno scopo funzionale a fini nutrizionali. Sembra che esista solo allo scopo di trasferire la sostanza chimica a centinaia di milioni di consumatori, nel momento in cui viene mischiata nei popolari fast food. I panini in cui si riscontra tale sostanza, sono così semplici meccanismi per trasferire sostanze tossiche che danneggiano la biologia umana.

• Molte marche vitaminiche “ufficiali” sono adulterate intenzionalmente da alti livelli di rame, che se presi ogni giorno, sono causa disturbi mentali e psicosi. Alcune di queste marche vengono pubblicizzate di routine alla tv e così alle masse mainstream, che vengono  incoraggiate a consumarle e molte delle quali sono  prodotte da aziende di totale o parziale proprietà di interessi farmaceutici.

• un integratore erboristico molto noto, progettato per migliorare le performance cerebrali, in realtà contiene livelli molto alti di piombo, nella più parte dei prodotti che abbiamo testato (da fornitura proveniente dalla Cina). Il piombo è un metallo pesante tossico che danneggia la funzione cerebrale. In questo modo, le persone che stanno soffrendo di demenza precoce o di Alzheimer subiscono in realtà una accelerazione verso la distruzione cerebrale, attraverso certi prodotti erboristici che sembrano progettati per fornire proprio metalli pesanti al cervello. Per me è stato veramente shockante scoprire che “le erbe per il cervello” contengono così tanto piombo da contribuire alla sua distruzione.

• Altrettanto abbiamo trovato che la stessa “erba per il cervello” (integratore erboristico ), se coltivata in USA, non contiene alcun metallo pesante. Questa è una prova che l’erba non “assorbe naturalmente” metalli pesanti, come per magia. Interessante il fatto che i livelli più alti di metalli che danneggiano il cervello, si trovano pesantemente in erbe importate dalla Cina.
Pongo perciò apertamente la domanda: c’è una guerra segreta dei metalli pesanti che la Cina sta operando sugli USA? Dopotutto, avvelenare la popolazione con i metalli pesanti, è un modo molto efficace  per far collassare una nazione distruggendo la salute mentale e fisica della sua gente. (In seguito altre notizie su questo tema...)

• Note vitamine per bambini, vendute in quasi tutti i “grocery store” e farmacie d’America sono formulate per essere specialmente e incredibilmente tossiche per la neurologia in sviluppo. Il numero di sostanze tossiche e chimiche sintetiche, aggiunte a quasi tutte le marche popolari di vitamine per bambini, è veramente shockante; molte di loro sembra che siano scelte perché hanno la capacità di dirigersi proprio sulla funzione neurologica, distruggendola. Da un punto di vista prettamente scientifico, queste "vitamine" dovrebbero essere onestamente chiamate "PILLOLE DI VELENO" mentre i genitori invece vengono incoraggiati a darle ogni santo giorno ai loro bambini, come parte di un rituale moderno per la salute, che in realtà causa un danno a lungo termine.

• Nel nostro laboratorio di spettroscopia atomica, abbiamo confermato tracce di alluminio nella normale aria atmosferica, confermando cosi il fatto che tutti i terreni agricoli sono inondati di alluminio, che cade letteralmente dal cielo.
Non si tratta semplicemente di alluminio nella nostra aria di laboratorio, dato che molti laboratori contengono pavimenti o mobili-arredi in alluminio, cosa che causa, tra l’altro, un’ alta concentrazione di alluminio nell’aria dei laboratori stessi. Invece sono state misurate parti di alluminio in concentrazioni su un miliardo, in campioni di normale aria atmosferica, lontani da edifici o laboratori
Il risultato di questo fenomeno è che i livelli di alluminio stanno aumentando in quasi tutti i raccolti di terra, da cui deriva il cibo quotidiano. Se da un lato l’alluminio è molto meno dannoso del piombo, del cadmio o del mercurio, un ripetuto accumulo di alluminio viene correlato a disturbi cerebrali degenerativi in tutta la popolazione.

• Come già sanno i lettori di Natural News, il grano OGM è ingegnerizzato perchè in ogni singolo grano, cresca una tossina tossica. Questa tossina mortale viene poi consumata da tutta la gente che come è noto consuma grani OGM nella colazione (i cereali), nelle tortillas di grano, nelle patatine, negli snack etc. L’avvelenamento di massa della popolazione è chiaramente intenzionale, dato che viene deliberatamente ingegnerizzato nei raccolti che vengono coltivati per il solo consumo animale e umano.
L’avvelenamento di massa non è accidentale, in altre parole ed in realtà la tecnologia viene promossa con la giustificazione che essa “nutrirà il mondo”. Infatti cosi è… nutre di veleno il mondo.
Il cibo è diventato un’arma contro l’umanità
Come vedete da questi esempi, il cibo è diventato un’arma contro l’umanità. E’ il nuovo vettore per una guerra mondiale segreta contro l’umanità : una guerra che è messa in atto proprio in questo momento, con armi che troverete probabilmente nella vostra dispensa.

La Prima Guerra Mondiale è stata combattuta primariamente nelle trincee, con i soldati che si sono lanciati addosso dei pezzi di piombo ed hanno usato armi chimiche grezze come l’iprite (mustard gas).

La Seconda Guerra Mondiale è stata combattuta con un’intenzione genocida, poichè ha usato armi cinetiche più avanzate ed armi chimiche, progettate da aziende farmaceutiche.

La nostra Seconda Guerra Mondiale ed il Nazismo, arrivano dalla IG Farben, il conglomerato chimico-farmacologico che successivamente si è diviso in tre aziende, una delle quali è nota come Bayer: la stessa azienda che fa l’aspirina per bambini e varie sostanze chimiche usate in tutta la catena alimentare. (Cercatevi le vostre notizie e chiaritevi la storia. Questi sono fatti e verità.)

La Terza Guerra Mondiale sembra già in corso e viene agita come guerra segreta attraverso la catena alimentare. Le sostanze chimiche sono molto simili a quelle usate nella Prima e Seconda Guerra Mondiale ad eccezione del fatto che anzichè essere dispiegate sul campo di battaglia, le armi chimiche odierne  sono dispiegate nella catena alimentare e a volte persino scritte correttamente sulla etichetta degli ingredienti
Ingredienti tossici come nitrito di sodio  e aspartame vengono formulati per  agire a livelli subacuti, così da non far cadere morti all’istante. Essi creano invece un collasso cronico e a lungo termine del corpo e della mente, che lascia dietro di sè  conseguenze di cancro, disfunzioni renali, disturbi mentali estremi, incluse le psicosi. Questo danno alla mente e al corpo, per contro, distrugge le economie, i sistemi scolastici, il progresso scientifico, le libere democrazie e persino l’integrità culturale.
Il bombardamento silenzioso del cibo, sulla umanità
Quello che l’aviazione USA fece su Dresden nella Seconda Guerra Mondiale,  con incursioni di bombardamenti dall’alto, ora i conglomerati  globali della chimica e del cibo lo stanno facendo sulle popolazioni del mondo con il sistema del “drive-thru window[quando i clienti acquistano i prodotti dal finestrino dell’auto, ovvero senza scendere dall’auto] .

Qui non ci sono bombe che cadono dal cielo né tempeste di fuoco che illuminano i paesaggi urbani la notte. Nel silenzio, invece, le masse ignoranti marciano semplicemente verso le loro morti, un pasto per volta, come un treno merci pieno di "inutili mangiatori", che come il rumore del treno sulle rotaie, si incammina verso Auschwitz.

Naturalmente, lungo il percorso della loro morte, pagano i pedaggi obbligatori ai giganti farmaceutici, agli ospedali, alle cliniche del cancro, ai dottori e mandati di assicurazioni per la salute. Così come le vittime del genocidio nazista, venivano private delle capsule d’oro dei loro denti, prima di essere gasate a morte, così i consumatori mainstream di oggi vengono “svuotati” dei loro conti correnti, dei loro beni, delle loro polizze assicurative, prima di essere del tutto gettati via dal sistema.

Ci sono enormi profitti che vengono fatti, vedete, prima dall’ avvelenare le masse e poi  dal “trattarle” per gli effetti collaterali di tale avvelenamento. Questo racket è così immenso, così profondamente radicato nella nostra cultura mossa dalla avidità, che sono molto pochi quelli che riconoscono ciò che sta loro accadendo.
Ma non fate errori: non siete valutati dal sistema per la vostra umanità, il vostro spirito, la vostra innovazione o la vostra immaginazione. Prima di tutto siete valutati per la vostra fascia di reddito,  poi per il profitto che si può ricavare dalla “gestione della vostra malattia” , che arricchisce le multinazionali globali, mentre a voi lo mettono in quel posto, vi irradiano, siringano, vi somministrano farmaci fino alla morte, mentre l’ospedale colleziona [l’autore è americano] pagina dopo pagina di fatture per codici di procedure mediche che saranno coperte dalla Medicare... o Obamacare.
Ecco la via d’uscita: coltivatevi il vostro cibo
Tutto questo vi sembra troppo cupo per essere vero? Allora vediamo alcune soluzioni nel senso positivo. La via d’uscita in tutto questo è coltivarsi il proprio cibo o almeno comprarne il più possibile da coltivatori locali. Tutti i cibi acquistati dalla catena multinazionale sono intenzionalmente ingegnerizzati, fissati e impacchettati con veleni incredibilmente tossici, che vanno dai metalli pesanti, ai contenitori che sconvolgono i vostri ormoni. Il cibo prodotto da agricoltori onesti, fornisce nutrimento genuino, non morte.

Infatti, il futuro  della civiltà umana appartiene quasi certamente ed esclusivamente a coloro che o coltivano il proprio cibo, o si accordano perchè altri lo coltivino per loro. Il cibo preconfezionato, industriale, consumato dalle masse, è quasi certamente un sistema di consegna veleni, che non ha altro scopo se non creare malattia di massa, morte e profitto.

Se desideri non essere vittima di questo sistema, devi evitare i suoi prodotti. Smetti di compare cibi processati industrialmente e preconfezionati. Soprattutto evitate tutte le carni processate, che contengono nitrito di sodio, incluso bacon (pancetta), hot dogs, salamelle, prosciutto, pepperoni pizza e persino carne di manzo essiccata al sole (beef jerky).

Smettetela di bere tutte le diet soda, ovviamente. L’aspartame è tossico per la biologia. Tutti i dolcificanti artificiali hanno effetti collaterali tossici, se consumati in grande quantità.

Siate scettici dei “prodotti naturali” che sono molto processati e in qualche modo raffinati. Chiedete il paese di provenienza del prodotto. Controllate i risultati di laboratorio sui metalli pesanti, per restare informati.

Salvo rare eccezioni, smettete di acquistare superfoods e integratori che arrivino dalla Cina, il produttore di cibo più inquinato del mondo. Nell’ultimo decennio, l’industria USA di prodotti naturali, è stata praticamente rimpiazzata dalla Cina, da cui molto di ciò che credete sia sicuro e biologico in realtà è pesantemente inquinato, sia accidentalmente che deliberatamente.
Guardatevi intorno, l’evidenza è sotto i vostri occhi
Oppure state pensando che sono un matto, nel dirvi tutto questo? Se così pensate, vi esorto a guardarvi intorno, e vedere i risultati di ciò che sta capitando alla gente quando mangia le sostanze chimiche usate per fare i materassini yoga,  le diet soda con l’aspartame, i conservanti artificiali del cibo e le vitamine a poco prezzo,  contaminate di metalli pesanti.

A meno che non siate in uno stato di totale negazione di ciò che è, non potete non notare che  l’umanità sta diventando una razza di quasi mutanti, a cui sono rimasti ben poca salute e sanità mentale.

Un giovane uomo moderno che cresca oggi in America e che si nutra di cibi industriali è solo una piccola ombra del giovane forte e vibrante che lavorava nelle fattorie solo 3 generazioni fa.
L’attuale generazione di giovani è patetica, debole, inetta accademicamente e pesantemente viziata dalle consolle dei video giochi, dal Ritalin, dalle scuole con l’aria condizionata e dai curricula annacquati.
Sono stati instupiditi, depauperati di nutrimenti e medicalizzati e farmacologizzati, al punto che ci sono ora, letteralmente, degli zombie che camminano tra noi

Di fatto, le persone intorno a voi sono iper-medicate, iper-nutrite e allo stesso tempo mal-nutrite. I loro corpi e cervelli sono pesantemente contaminati da sostanze chimiche distruttive, metalli pesanti e materiali sintetici
Hanno perso quasi tutte le funzioni altamente cognitive e ora sopravvivono con la funzione cerebrale del cervello inferiore, ecco perché vediamo un aumento radicale di crimini sessuali, dipendenze nel comportamento, abusi di sostanze e  crimini violenti nella società odierna.
Molto realmente, il consumo odierno  di cibo processato-industriale è diventato un rituale di lento suicidio, che si ripete senza attenzione ogni giorno, ora che le aziende alimentari hanno invaso società un tempo sane.
Mentre i Repubblicani incolpano per questo i Democratici e i Democratici fanno altrettanto con i Repubblicani, la verità è che tutti loro sono stati sistematicamente avvelenati e quindi spinti esattamente a quel tipo di non sanità mentale che vediamo sui titoli dei giornali e nei TG.
Abbiamo più che passato l’era della ragione, nel mondo occidentale moderno. Sbocconcellando il cibo che ci rendono attraente, ma che è ingegnerizzato per produrre morte anziché vita, non sopravvivremo a questa segreta guerra, che rilascia armi di dietetica distruzione di massa.
Tutto ciò è ben oltre ogni questione relative all’etichettatura OGM o al fatto di comprare cibo biologico, o testare il cibo per verificarne i metalli pesanti. Si tratta qui di come la civiltà umana è stata messa in ginocchio, dall’arma segreta più insidiosa, mai sperimentata nella storia collettiva: il CIBO INDUSTRIALE a cui sono state aggiunte sostanze tossiche.
Presta attenzione a queste parole, oppure morirai vittima di questa guerra insidiosa e deliberata contro la vita, la salute e la sanità mentale.
Fonte tratta dal sito .

mercoledì 26 febbraio 2014

In funzione la più grande centrale solare a concentrazione


Clicca per ingrandireCon una capacità di 392 megawatt, la centrale solare a concentrazione Ivanpah solar electric generating system ha iniziato a produrre e vendere energia.
La più grande centrale solare a concentrazione ha iniziato a distribuire energia elettrica ai clienti il 13 febbraio. È la Ivanpah solar electric generating system, costruita nel deserto del Mojave, in California. Con una capacità di 392 megawatt (MW), a regime fornirà energia a 140mila famiglie e permetterà di evitare l’emissione in atmosfera di 400mila tonnellate di CO2 all’anno. Come se venissero tolti 72mila veicoli dalle strade americane.
Questi i numeri che hanno fatto della centrale a concentrazione californiana la più grande del mondo:
  • 173.500 eliostati, specchi solari in grado di seguire il percorso del sole durante tutta la giornata;
  • 137 metri, l’altezza della torre centrale;
  • 14 chilometri quadrati di superficie;
  • 3.000 persone impiegate nella costruzione;
  • 8,53 milioni di ore di lavoro complessive;
  • 650 milioni di dollari (circa 475 milioni di euro) in stipendi che verranno ripagati dalla centrale nel giro di soli 30 anni.

L’impianto, i cui lavori sono cominciati nell’ottobre del 2010, è stato costruito grazie agli investimenti di tre grandi società americane: Nrg, Brightsource energy e Google.
Il progetto ha ricevuto prestiti e garanzie per 1,6 miliardi di dollari (su un totale di 2,2 miliardi) dal dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti.
Fonte tratta dal sito .

martedì 25 febbraio 2014

LA MARGARINA STA USCENDO DI SCENA, FINALMENTE SMASCHERATA LA BUFALA...

La love story tra gli americani e la margarina pare sia alle battute finali. Il glorioso e vecchio burro sta lentamente recuperando il favore degli yankee e le vendite della margarina vanno a picco.
 

Finalmente, dopo oltre 50 anni la bufala della margarina viene smascherata! La margarina è solo una truffa, un ignobile surrogato, un'illusione per il folto esercito dei allocchi consumatori del “light”, un'offesa a migliaia di anni di tradizione alimentare e frutto della mentalità grassofobica fraudolenta di molte istituzioni e industrie mediche e alimentari.



La margarina non la vogliono neanche le formiche...preferiscono il burro!!
A partire dal 2000 negli USA le vendite di burro sono aumentate del 65% e il consumo pro capite sta volando a 2,2Kg all'anno. Le vendite di margarina al contrario si sono ridotte de 30% e sono in continua caduta, nonostante le allucinanti raccomandazioni delle autorità ufficiali di preferire la margarina ai grassi di origine animale. Tuttavia, gli studi più recenti smentiscono i timori per i grassi saturi e colesterolo e puntano piuttosto il dito contro tutti i cibi processati dall'industria e la margarina rientra certamente tra questi. 

La margarina è un grasso industriale, costituito principalmente da grassi polinsaturi, facilmente ossidabili, e da grassi idrogenati. Un prodotto tutt'altro che salutare, come molti credono, condizionati come sono dalla faziosa propaganda contro i grassi animali. Si pensi che negli ultimi 20 anni la multinazionale britannica Unilever (maggiore produttore mondiale di margarina) ha investito milioni di dollari in studi scientifici al fine di dimostrare che la margarina fosse migliore del burro. La stessa azienda oggi ammette l'errore e nei suoi prodotti spalmabili inserisce sempre di più il burro.
In Europa si consumano ogni anno circa 1,85 milioni di tonnellate di margarina. A livello di consumo pro capite, il primo posto spetta al Belgio (10,2kg), seguito da Danimarca (9,3kg), Paesi Bassi (8,9Kg). L'Italia occupa l'ultima posizione con i suoi 1,4kg consumati annualmente da ogni abitante (comunque troppi!). La media europea è di 4,3Kg. Purtroppo, nel nostro Paese molta della margarina viene consumata in modo inconsapevole, perché largamente utilizzata in moltissimi prodotti commerciali (merendine, biscotti, waffer, snack, ecc) e nei prodotti da pasticceria (torte, pasticcini, brioche, ecc.).

Secondo le ultime normative, la margarina in Italia non dovrebbe contenere grassi idrogenati, ma pare che non sia sempre così. Difficile sapere se il pasticcere sotto casa utilizza margarina di qualità (termine improprio per questo genere di non-alimento!) o qualche schifezza a basso costo.
Le aziende che commercializzano la margarina in Italia negli ultimi tempi propongono la margarina come “prodotto evoluto”, fabbricato (sì, questo è il termine da usare) con componenti “naturali” e aggiunta di fitosteroli, omega 3, minerali e altro, come se fosse un multivitaminico, un a sorta di benefico integratore. Per quanti sforzi questi signori possano fare, la margarina rimane un alimento pesantemente artificiale e, a mio modesto avviso, insano. Un altro aspetto negativo della margarina è la presenza di olio di palma, la cui produzione è assolutamente antiecologica.
Le vaste piantagioni di palma da olio stanno sostituendo a ritmo allarmante le foreste vergini soprattuto dei due produttori principali di quest'olio, l'Indonesia e la Malesia. Per esempio, in Malesia, si è passati dai 642.000 ettari di piantagioni del 1975 ai 4 milioni di ettari del 2004, ottenuti bruciando foresta vergine. In questo modo si contribuisce anche all'estinzione fisica o culturale dei popoli indigeni, come i Penan. La situazione attuale sta peggiorando sempre più, considerato che la domanda di olio di palma triplicherà nei prossimi 20 anni e il nostro Paese ha il disonore di essere il terzo Paese importatore europeo di quest'olio. 
Numerosi prodotti che comprate, a volte anche biologici, utilizzano margarine o altri grassi (vegetali) che contengono olio di palma (alcuni nomi li trovate qui)
Fonte tratta dal sito .

domenica 23 febbraio 2014

La Commissione Europea vuole approvare il mais Geneticamente Modificato TC1507


Mai OGMEmergenza OGM ed emergenza democrazia: La commissione europea vorrebbe approvare il mais TC1507, nonostante il parere nettamente contrario sia del parlamento UE che del Consiglio UE.
Sull'approvazione del Mais 1507 della Pioneer da parte della UE girano su internet e sui giornali un sacco di menzogne. Per esempio che il Consiglio UE abbia approvato il Mais 1507, mentre è vero esattamente il contrario. Il Consiglio dei ministri degli affari generali si è espresso in maniera nettamente contraria (19 contrari, 5 favorevoli, 4 astenuti), come già aveva fatto poco tempo fa anche il Parlamento UE. Oppure che la Commissione UE non possa che votare favorevolmente al mais OGM o che addirittura abbia già votato in questo modo.
È vero che la decisione, secondo la normativa attuale passa ora alla Commissione in quanto in Consiglio non si è raggiunta la maggioranza qualificata del 74%. Si sarebbe raggiunta sul totale dei votanti (19/24 votanti non astenuti= 79%) ma gli astenuti vanno a favore della minoranza!! e la maggioranza qualificata si conta come 19/28=68%
Ora si tratta di far capire alla Commissione che non può decidere contro la netta maggioranza del Parlamento e del Consiglio e della volontà delle popolazioni europee.
Già 12 Stati hanno preso una prima iniziativa in questo senso e bisogna andare avanti su questa linea E NON PENSARE CHE È INEVITABILE E OBBLIGATA LA DECISIONE FAVOREVOLE DELLA COMMISSIONE: SI TRATTA DI UNA MENZOGNA CHE CI VOGLIONO FAR ENTRARE IN TESTA COME VERITÀ.
Perché adagiarsi a pensare i pensieri degli avversari e non avere pensieri autonomi?
Non esiste motivo valido al mondo per cui si debba decidere secondo il volere di una ristretta minoranza e non secondo quello della stragrande maggioranza. Per cui è da pretendere la non approvazione del mais 1507.
Come?
Scrivendo a tutti i membri della Commissione Europea e invitando a farlo anche a parlamentari dell'Unione Europea, politici, associazioni, ecc, ecc.
Uniti possiamo vincere ma dovete crederci tutti!!!
--------------
Di seguito trovate gli indirizzi dei membri della Commissione Europea e il testo:
CAB-TAJANI-WEBPAGE@ec.europa.eu
Carlo.Corazza@ec.europa.eu
Paolo.SARACA-VOLPINI@ec.europa.eu
Sara.TIRONI@ec.europa.eu
Michael.MANN@eeas.europa.eu
mina.andreeva@ec.europa.eu
Natasha.Bertaud@ec.europa.eu
CAB-SEFCOVIC@ec.europa.eu
Antonio.Gravili@ec.europa.eu
janez.potocnik@ec.europa.eu
CAB-PIEBALGS-ARCHIVES@ec.europa.eu
heleen.averink@ec.europa.eu
laila.bernere@ec.europa.eu
Michel.Barnier@ec.europa.eu
chantal.hughes@ec.europa.eu
Karel.DE-GUCHT@ec.europa.eu
John.Clancy@ec.europa.eu
Helene.Banner@ec.europa.eu
CAB-GEOGHEGAN-QUINN-CONTACT@ec.europa.eu
michael.jennings@ec.europa.eu
CAB-LEWANDOWSKI-WEBPAGE@ec.europa.eu
agnieszka.drzewoska@ec.europa.eu
Amparo.Roca.Zamora@ec.europa.eu
Androulla.PAPADOPOULOU@ec.europa.eu
Natalia.MANAS-SENTIS@ec.europa.eu
johannes.hahn@ec.europa.eu
cab-hahn-contact@ec.europa.eu
Anca.PADURARU@ec.europa.eu
CAB-ANDOR-CONTACT@ec.europa.eu
Nicolas.GIBERT-MORIN@ec.europa.eu
dacian.ciolos@ec.europa.eu
roger.waite@ec.europa.eu
fanny.dabertrand@ec.europa.eu
frederic.vincent@ec.europa.eu
Neelie.Kroes@ec.europa.eu
--------------
Testo della lettera:
Dear EU Commissioners,

Facts on the EU approval for the use of Pioneer 1507 maize are very clear.
On January 16 2014, the EU Parliament voted against approval of the above mentioned maize variety with 385 votes, whereas 201 were in favour and 30 abstained.
On Ferbuary 11 2014, the EU Council expressed an even more clear and sharp voice against the approval of this Pioneer 1507: 19 out of 28 States, including Italy, have voted against it,while those in favour were only 5 countries out of 28 and 4 abstained. In terms of weighted votes, the result is similar: 209 Votes out of 352 opposed to the approval while only 78 out of 352 were favourable.
It couldn't be clearer that the only decision the EU Commission should take is TO NOT APPROVE PIONEER MAIZE 1507
A hugely detrimental drift between the EU Commission on the one hand and the Parliament and the Council on the other, which would immediately raise the question of having to lift Commissioners form their present tasks.
Approval of maize 1507 would also overrule the Spirit of EU law that in seeking qualified majorities, always aims to achieve the highest consensus. For this very same reason the EU Commission may not take decisions in accordance with the will of a small minority.
The undersigned organizations call on the Commissioners NOT TO APPROVE the cultivation of Maize 1507 in EU28.
Best regards,
Firma
--------------
Lettera inizialmente sottoscritta da:
Marco Tiberti - Association of European Consumers (Italy)
Gianni Cavinato - President of the Association ACU (Italy)
Franco Trinca - President Association NOGM (Italy)
Carlo Cardarelli - President Association ACU Marche (Italy)
Loris Asoli - President Association REES Marche (Italy)
con l'adesione di:
Paolo D'Arpini - Rete Bioregionale Italiana
--------------
Testo della lettera soprastante tradotta in italiano:
Egregi Commissari dell'Unione Europea,

sull'approvazione del Mais OGM 1507 della Pioneer i fatti sono estremamente chiari.
In data 16 Gennaio il Parlamento UE ha votato in modo nettamente contrario all'approvazione del Mais suddetto con 385 voti, mentre in 201 hanno votato in modo favorevole e 30 si sono astenuti.
In data 11 Febbraio il Consiglio UE si è espresso in modo ancora più chiaro e netto contro l'approvazione di questo Mais: 19 stati su 28, fra cui l'Italia, hanno espresso volontà contraria, mentre i favorevoli sono stati soltanto 5 stati su 28 e 4 si sono espressi per l'astensione. In termini di voti ponderati il risultato è analogo: 209 voti su 352 sono contrari all'approvazione, mentre solo 78 su 352 sono favorevoli
Risulta del tutto evidente quale è l'unica decisione che la Commissione è tenuta a prendere: NON APPROVARE IL MAIS 1507.
In caso contrario si verificherebbe un scollamento gravissimo fra la Commissione da una parte e il Parlamento e il Consiglio dall'altra, che porrebbe immediatamente il problema di sollevare dal loro incarico i commissari attuali.
Approvare il Mais 1507 sarebbe anche fatto in modo totalmente contrario allo spirito della legge comunitaria che, nel cercare la maggioranza qualificata, intende puntare a raggiungere il più ampio consenso. Anche per questo motivo la Commissione non può in ogni caso decidere secondo il volere di una ristretta minoranza.
Le Associazioni sottoscriventi invitano i Commissari UE a non approvare la coltivazione in Europa del Mais 1507.
Cordiali saluti
 Fonte tratta dal sito .

sabato 22 febbraio 2014

Secondo un antropologo Americano la storia umana è da riscrivere


Semir Osmanagich“La storia dell’umanità su questo pianeta è la più grande menzogna mai raccontata e scritta. Non vedo l’ora che la verità venga esposta e che i falsi libri di storia vengano bruciati! I mass-media sono complici di un insabbiamento di proporzioni epiche”. ~ P8
L’antropologo, Dott. Semir Osmanagich, fondatore del Parco Archeologico Bosniaco, il sito archeologico più attivo del mondo, dichiara che le prove scientifiche, ‘inconfutabili’, venute alla luce, sull’esistenza di antiche civiltà con tecnologia avanzata, non ci lasciano altra scelta se non quella di riscrivere la nostra storia, la storia dell’Umanità Terrestre. Un attento esame, su l’età di alcune strutture, rivela definitivamente che sono state costruite da civiltà avanzate di oltre 29.000 anni fa.
“Riconoscere che siamo testimoni di prove fondamentali dell’esistenza di antiche civiltà avanzate risalenti a oltre 29 mila anni fa, e un esame delle loro strutture sociali, costringe il mondo a riconsiderare totalmente la sua comprensione sullo sviluppo della civiltà attuale e della sua storia”, spiega il Dott. Semir Osmanagich. “I dati conclusivi del 2008 riguardanti il sito della Piramide Bosniaca, e confermati quest’anno da diversi laboratori indipendenti che hanno condotto test di carbonio radiofonico, hanno rilevato che il sito risale a più o meno 29.400 anni fa, minimo”.
La datazione delle prove al radiocarbonio è stato fatto dal Radiocarbonio Lab di Kiev, in Ucraina, su materiale organico presente nel sito bosniaco della Piramide. Il fisico Dr. Anna Pazdur dell’Università polacca di Slesia, ha annunciato la notizia in una conferenza stampa a Sarajevo nell’agosto del 2008. Il professore di Archeologia Classica presso l’Università di Alessandria, Dott. Mona Haggag, ha descritto questa scoperta come “scrivere nuove pagine della storia europea e mondiale”. La data di 29.000 anni del Parco Archeologico Bosniaco, è stata ottenuta da un pezzo di materiale organico recuperato da uno strato di argilla che si trovava all’interno dell’involucro esterno alla piramide. Ne consegue una data campione, ottenuta durante la stagione 2012 nello scavo su materiale che si trova sopra il calcestruzzo, di 24,8 mila anni, il che significa che questa struttura ha un profilo di costruzione che risale a quasi 30 mila anni.

Le Piramidi Bosniache – le più grandi del mondo
“I popoli antichi che hanno costruito queste piramidi conoscevano i segreti della frequenza e dell’energia. Hanno usato queste risorse naturali per sviluppare tecnologie, e per intraprendere la costruzione di scale che non abbiamo visto in nessun altro posto della terra”, ha detto il dottor Osmanagich.“Le prove dimostrano chiaramente che le piramidi furono costruite allineandole con la griglia energetica della Terra, ed erano come macchine che fornivano energia al potere della guarigione”.
Studiosi di storia antica negli Stati Uniti, hanno notizie altrettanto sorprendenti su qualcosa trovato negli angoli più lontani del globo. Per esempio la scoperta di Rockwall al di fuori di Dallas, Texas, è solo un esempio di come stiamo riesaminando antichi misteri che rivelano molto sul nostro passato. Il sito Texano è un complesso e poderoso muro di dieci miglia di diametro costruito oltre 20.000 anni fa e coperto dal suolo sette piani sotto terra. La domanda è: da chi è stata costruita questa struttura e per quale scopo e, soprattutto, la conoscenza data da queste civiltà del passato, in che modo può aiutarci a comprendere il nostro futuro?
Nuove tracce rivelate o antiche civiltà ri-scoperte hanno acceso una innata curiosità per le origini umane, come risulta dalla recente copertura nei media mainstream. Il numero di novembre 2013 di National Geographic: I 100 più grandi misteri rivelati delle Civiltà Antiche dice:
“A volte le culture si lasciano dietro misteri che confondono coloro che vengono dopo di loro, dai menhir ai manoscritti codificati, ci indicano che gli antichi hanno avuto uno scopo profondo”.
Scienziati lungimiranti continuano a perseguire la conoscenza del nostro passato che è utile per determinare un futuro migliore. IL rinomato autore Michal Cremo, nel suo libro Forbidden Archeology, teorizza che la conoscenza dell’avanzato Homo-sapiens è stata soppressa o ignorata dalla comunità scientifica perché contraddice le attuali opinioni sulle origini umane che non vanno d’accordo con il paradigma dominante.

Gobekli Tepe nella Turchia orientale
I risultati indicano chiaramente che simili civiltà avanzate di esseri umani erano presenti in tutto il mondo in quel momento storico. Ad esempio, il Gobekli Tepe (la foto in alto) che si trova nella Turchia orientale, è un vasto complesso di enormi cerchi di pietre megalitiche, con un raggio tra i 10 e i 20 metri, molto più grandi di quelle del noto sito di Stonehenge in Gran Bretagna.
Agli scavi di Gobekli Tepe che hanno avuto inizio nel 1995, sono stati fatti dei test al carbonio radiofonico i quali hanno rivelato che la struttura risale almeno a 11600 anni fa. L’archeologo tedesco Klaus Schmidt dell’Istituto Archeologico Tedesco di Berlino in Germania, con il supporto dell’ArchaeoNova Institute di Heidelberg, sempre in Germania, ha condotto lo scavo di questi preistorici circoli megalitici scoperti in Turchia.
“Gobekli Tepe è uno dei più affascinanti luoghi neolitici del mondo”, ha sostenuto il Dott. Klaus Schmidt. Ma, come spiega in un recente rapporto, per capire le nuove scoperte, gli archeologi hanno bisogno di lavorare a stretto contatto con gli specialisti di religioni comparate, con i teorici dell’architettura e dell’arte, con i teorici della psicologia evolutiva, con i sociologi che utilizzano la teoria delle reti sociali, e altri ancora.
“E’ la complessa storia delle prime, grandi comunità insediate, la loro vasta rete, e la loro comprensione comune del loro mondo, forse anche delle prime religioni organizzate e delle loro rappresentazioni simboliche del cosmo”, come riportato da Klaus Schmidt .
Oltre alle strutture megalitiche, sono state scoperte figure e sculture, raffiguranti animali di pre natura storica, come i dinosauri e altri animali selvatici. Dal momento che gli scavi iniziarono nel 1995, quattro dei circoli sono stati parzialmente ripuliti, ma si pensa che ci siano ancora fino a 50 ambienti nascosti sottoterra. Questi enormi monoliti svettanti, di sette metri di altezza e 25 tonnellate di massa a Gobekli Tepe, sono situati proprio nel cuore di ciò che percepiamo come l’origine della civiltà. Questo offre ai ricercatori, delle nuove linee guida per la vera storia della terra e delle nostre antiche civiltà.
“L’obiettivo della ricerca archeologica non è quello di scoprire semplicemente tutti i circoli megalitici, ma sopratutto cercare di capire il loro scopo”, ha aggiunto Schmidt.
Ormai è l’ottavo anno di scavo nel sito della Piramide Bosniaca, che si estende sui sei chilometri quadrati del bacino del fiume Visoko, 40 km a nord ovest di Sarajevo. Composto da quattro antiche piramidi quasi tre volte più grande di Giza, e da un vasto complesso di tunnel sotterranei situati sotto la piramide. La colossale piramide centrale del Sole è alta ben 420 metri e ha una massa di milioni di tonnellate rendendo le piramidi bosniache le più grandi e antiche piramidi conosciute sul pianeta (quella di cheope è alta ‘solo’ 146 metri). Il Dr. Osmanagich ha stupito l’intera comunità scientifica e archeologica con la raccolta e formazione di un team di ingegneri interdisciplinari, fisici e ricercatori da tutto il mondo per condurre un’indagine aperta e trasparente del sito e per cercare di scoprire la vera natura e il vero scopo di questo complesso piramidale.
“Questa è una cultura sconosciuta che ci presenta arti e scienze altamente avanzate, in grado di formare strutture veramente enormi e noi crediamo in questo processo dimostrando una capacità di sfruttare le risorse energetiche pure”, commenta Tim Moon, che ha recentemente aderito al team di Osmanagich.
Il progetto archeologico ci ha consegnato un altro importante rinvenimento trovato questo anno nel complesso dei tunnel sotterranei, conosciuto come Ravine. Mentre esploravano un tunnel che conduce verso la Piramide del Sole, la squadra ha portato alla luce diverse pietre megalitiche. Nel mese di agosto un enorme pietra stimata in 25.000 kg è stato scoperta a circa400 metri di profondità. “Qui abbiamo una pietra massiccia sepolta sotto centinaia di migliaia di tonnellate di materiale. Inoltre abbiamo individuato dei muri di fondazione lungo tutto il suo perimetro formati da blocchi di pietra tagliata”, ha aggiunto Tim Moon.
Grandi quantità di reperti sono state recuperate dalle gallerie associate che portano al sito, tra effigi, dipinti su pietra, oggetti d’arte e una serie di geroglifici e testi antichi scavati nelle pareti dei tunnel.
Il Dr. Osmangich sottolinea che è giunto il momento di condividere liberamente la conoscenza, in modo che si possa capire e imparare dal nostro passato.
“È tempo per noi di aprire le nostre menti alla vera natura della nostra origine. La nostra missione è quella di riallineare la scienza con la spiritualità, al fine di progredire come specie, e questo richiede un chiaro percorso di conoscenza condivisa”.

giovedì 20 febbraio 2014

Neve di "plastica" cade dal cielo anche in Italia


Nelle ultime settimane, caratterizzate da imponenti tempeste di neve negli Stati Uniti, hanno girato su internet un discreto numero di filmati, provenienti soprattutto dallo stato della Georgia relativi a una strana neve di plastica, che scaldata con una fiamma diretta, brucia consumandosi, senza rilasciare acqua, emettendo uno sgradevole odore di plastica bruciata.



Sinceramente non si può dire che sia un fenomeno normale, e la prima spiegazione che viene in mente, per chi segue il fenomeno da tempo come me, è che sia dovuto alle pesanti irrorazioni chimiche alle quali siamo sottoposti da anni. Personalmente ho assistito infinite volte alla massiccia ricaduta di filamenti dal cielo, in seguito alle operazioni di aerosol chimico, operate da aerei militari e civili.

Diverse volte ho anche fatto analizzare questi filamenti, ricavando sempre lo stesso esito: polimeri sintetici bio-integrabili. Niente a che vedere con la vera e propria bufala dei ragni volanti inventata dal Cicap e rilanciata dall’ARPA, per giustificare un fenomeno ormai rilevato in ogni parte d’Italia, ma artefatti creati in laboratorio dall’uomo. Le autorità e i media conniventi, coprono la realtà delle scie chimiche, tentando così di impedirci di venire a conoscenza dei loro oscuri intrighi, ma i fatti sono ormai sotto gli occhi di tutti.

E la neve chimica è arrivata anche qui… il 13 febbraio 2014, dopo una segnalazione proveniente da una ragazza residente a Caldonazzo, Francesco, un membro dell’associazione Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana residente a Predazzo (TN), ha realizzato lo stesso semplice e sconcertante esperimento già visto nei video provenienti dagli Stati Uniti. Ha raccolto della neve dal giardino e l’ha filmata mentre la scaldava con un accendino, e l’esito è stato esattamente lo stesso documentato dagli attivisti di oltre oceano, ossia la neve brucia, senza produrre acqua, puzzando di plastica bruciata.

Ora mi immagino che i bugiardi di professione, al servizio del potere, abbiano già pronta una inverosimile spiegazione, che so, forse la cacca dei ragni volanti, che mescolandosi alla neve produce questo fenomeno inquietante, ma il problema è che ormai dovremmo essere invasi dai ragni volanti, vista l’entità mondiale del fenomeno. Non facciamoci ingannare da chi deride i ricercatori indipendenti, guardate con i vostri occhi quello che sta accadendo, non date più per scontato che sia inevitabile questo degrado. Osservate che cosa combinano gli aerei sopra di noi, guardate che cosa ricade sulla terra, siamo ancora in tempo a salvare noi stessi e l’ambiente in cui viviamo, non diamola vinta a chi gioca con le nostre vite, non diamola vinta a chi serve la morte. Facciamolo per i bambini di oggi, che hanno bisogno di un futuro su questo pianeta.
Fonte tratta dal sito .

mercoledì 19 febbraio 2014

Conferenza stampa di Beppe Grillo "The Walking Dead"

lunedì 17 febbraio 2014

QUALI SONO I NEMICI DEL POPOLO ?


  latouche

Nella società della crescita in cui viviamo, tutte le attività economiche, anche le più intrinsecamente legittime come nutrirsi o vestirsi, diventano tossiche, se non criminali.
Le imprese che fabbricano i prodotti di per sé più apprezzabili (per esempio, le medicine) possono diventare le più “nefaste” a causa del modo in cui sono organizzate, delle tecniche che utilizzano, delle politiche che adottano o semplicemente delle loro dimensioni.
Ciò dipende da quella mancanza di limiti che è al centro della logica produttivista, che si tratti della ricerca del profitto, del saccheggio delle risorse naturali, o dello sfruttamento di essere umani.


Si rimprovera spesso agli obiettori di  crescita di non denunciare i responsabili della situazione, dando per scontato che questi ultimi siano identificabili e che basterebbe quindi destituirli o cacciarli per instaurare una società giusta.

Questa “nostalgia” rivoluzionaria resta prigioniera di una visione manichea della realtà ereditata dalla sinistra marxista, con il suo schema di una lotta di classe ridotta all’antagonismo borghesia/proletariato.
Sfortunatamnente le cose non sono così semplici.

Che vi siano conflitti di interessi irriducibili, non saremo certo noi a negarlo.
Che una rivoluzione sia necessaria, è altrettanto evidente. Tuttavia, questa rivoluzione, come la si farà ?
Contro chi ? Visto che siamo tutti, chi più chi meno, contagiati dal virus produttivista e consumista, bisognerà prevedere lo sterminio del popolo al dettaglio in nome del popolo nel suo insieme, secondo l’equazione matematica del terrore formulata da Benjamin Constant e riattualizzata dai Khemer rossi ?

La necessaria decolonizzazione dell’immaginario è un processo di terapia collettiva lenta e graduale. E’ necessariamente “riformista” nella sua realizzazione, ma anche necessariamente “rivoluzionaria” nel suo obiettivo. Gli obiettori di crescita sono in generale non violenti per vocazione.
È possibile, tuttavia, che l’eliminazione degli ostacoli e dei nodi di maggiore resistenza non possa effettuarsi completamente senza ricorso alla violenza, in risposta alla condotta adottata dagli interessi minacciati per perpetuarsi a tutti i costi. A giudicare dai recenti attacchi della lobby di sementi alla moratoria sugli Ogm, si può facilmente immaginare quali sarebbero le reazioni della "World Company", dei nuovi padroni del mondo, di fronte ad una minaccia diretta al cuore stesso del sistema.
Importante dunque individuare con la massima chiarezza, in questo proteiforme complesso di cui tutti noi siamo, in misura maggiore o minore, complici, le “entità” (attori settori, luoghi) che hanno le maggiori responsabilità o, per dirla con Orwell, quelli che sono più uguali degli altri…
Citiamole, allora,  per aprire un dibattito indispensabile e per non prolungare ulteriormente l’ambiguità su questo punto:
1 La pubblicità, una delle principali fonti di inquinamento materiale, visivo, auditivo, morale e spirituale…
2 La grande distribuzione, che distrugge posti di lavoro e divora energia, mentre schiaccia i piccoli produttori e livella i gusti dei consumatori.
3 La chimica agroalimentare (pesticidi e concimi chimici), produttrici di inquinanti organici persistenti, cancerogeni e mutageni, che contaminano le falde freatiche e la catena alimentare.
4 Le grandi infrastrutture e le grandi opere, che distruggono la coesione territoriale, favorendo una cementificazione mafiosa.
5 Il trasporto a lunga distanza delle merci e delle persone,  fonte di spreco energetico e di distruzione della coesione sociale.
Infine gli armamenti e il nucleare, ma questo è ovvio….

Questo elenco ragionato non è né concluso né immutabile, né del tutto coerente, poiché dobbiamo confrontarci con un avversario la cui capacità di adattamento è pari solo alla potenza. Tra le difficoltà che bisognerà affrontare per uscire dalla società della crescita, la complessità stessa dell’architettura del potere economico-finanziario non è la meno ardua.
Fonte tratta dal sito .

domenica 16 febbraio 2014

USA: NUOVA LEGGE SHOCK! OBBLIGO di ricevere MICROCHIP!

venerdì 14 febbraio 2014

AMAZON, UN COMPLICE PER L'ASSASSINIO


  drone

Il presidente Obama sta valutando se ordinare alla Central Intelligence Agency di uccidere - o meno - un cittadino statunitense in Pakistan. Questa è la grande notizia della settimana. Ma nascosto in piena vista, è il fatto che Amazon sarebbe complice nell’assassinio.
Amazon ha un contratto di 600 milioni di dollari con la CIA, per fornire all’agenzia servizi informatici “cloud”. Dopo la conferma definitiva dell’accordo di qualche mese fa, Amazon ha dichiarato: “Non vediamo l’ora di iniziare una fruttuosa collaborazione con la CIA.”
La collaborazione implica che Amazon - il cui logo è una freccia che sorride dalla A alla Z, e che vende prodotti a milioni di persone ogni settimana - è responsabile di custodire i segreti della CIA, e di raccogliere informazioni per aiutare l’agenzia a fare il suo lavoro. Che include gli attacchi dei droni.


Gli attacchi dei droni in Pakistan costituiscono “un’operazione interamente della CIA”, ha detto il reporter del New York Times Mark Mazzetti, martedì sera nel corso di un’intervista alla NewsHour della PBS. Ha aggiunto che “il governo Pakistano non permetterà che i militari [statunitensi] prendano il controllo della missione, poiché vuole mantenere quella sorta di apparenza di segretezza, fornita dalla CIA.”
Finora, le sinistre implicazioni del nuovo ruolo di Amazon in seno alla CIA hanno ricevuto scarsa attenzione da parte dell’opinione pubblica.
Come maggiore Web retailer al mondo, Amazon ha costruito il suo modello di affari sull’accumulo garantito e sull’analisi di una massiccia quantità di dati personali. La sezione Amazon Web Services dell’azienda, ha ottenuto il contratto con la CIA fra fervide speranze che la collaborazione avrebbe aperto nuovi vasti scenari per un’ulteriore compenetrazione fra la sorveglianza e gli affari bellici.
È notevole come Amazon non abbia proposto un’offerta al ribasso per questo contratto da 600 milioni di dollari. L’azienda si è guadagnata l’affare dopo aver convinto la CIA delle sue superiori capacità tecniche nel regno digitale.
Amazon è oramai parte integrante della politica estera Statunitense, fatta di minacce e uccisioni.
Qualsiasi decisione presidenziale di prendersi la vita di un cittadino Americano, fa parte di una questione più ampia e grave. Qualunque sia la nazionalità di quelli che sentono il ronzio minaccioso di un drone, sopra le loro teste, l’occupazione dei cieli volta a minacciare e uccidere quelli che stanno sotto, è immorale. E, come è stato stabilito attualmente, incostituzionale.
L’11 Febbraio, il Times ha riferito che l’amministrazione Obama “sta dibattendo se autorizzare o meno un attacco letale contro il cittadino americano che vive in Pakistan, e che alcuni credono stia pianificando attivamente degli attacchi terroristici.” In effetti, è in discussione se il presidente debba o no ordinare un’esecuzione sommaria - un assassinio - su suo comando.
La maniera Americana non dovrebbe essere questa maniera. Il “dovuto processo di legge” richiesto dal Quinto emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, non dovrebbe essere qualsiasi cosa decida il presidente di fare.
Una stampa libera e indipendente è cruciale nell’opposizione a questi andamenti disastrosi. Ma i fattori strutturali del potere corporativo continuano a minare il potenziale del giornalismo. Il Washington Post ne è un triste esempio.
Sei mesi fa, Jeff Bezos - l’amministratore delegato e principale influente di Amazon - ha acquistato il Post. Ma nel giornale, le cronache in corso riguardanti la CIA, non informano i lettori che il grande contratto della CIA con Amazon giova alla ricchezza personale dell’unico proprietario del Post.
Questo rifiuto di rendere palese un tale conflitto di interessi, è molto più di una semplice omissione per amore delle apparenze. È indicativo di una maggiore collusione del potere corporativo dei grandi media, con il potere governativo. L’effetto leva di questa convergenza sta diventando sempre meno riconosciuto o evidente, mentre diventa sempre più consolidato e prevalente.
Dopo uno scambio di mail con me, in merito alla questione del non svelamento all’inizio di Gennaio, l’editore esecutivo del Washington Post, Martin Baron, ha declinato l’invito dei canali mediatici, a rispondere a delle domande sull’argomento. Il 15 Gennaio - quando ho inviato una petizione su RootsAction.org, intitolata “Washington Post: i Lettori meritano la Divulgazione completa delle informazioni riguardanti la CIA”, firmata da 30.000 persone, al quartier generale della testata, Baron ha rifiutato di incontrarsi con me, né ha incaricato alcun impiegato di ricevere la petizione. Chiaramente, la direzione del Post, desidera che questa faccenda svanisca.
Ma, come ho scritto a Baron il mese scorso, per il Washington Post è troppo comodo - e poco credibile - dichiarare che “non ci sarà un’influenza diretta del contratto di servizi cloud [Amazon - CIA], nella copertura informativa di materie come il coinvolgimento della CIA nella detenzione di prigioneri in condizioni di tortura; o nell’individuazione dei bersagli per gli attacchi dei droni; o nell’accumulo di dati a scopo anti-insurrezionale.”
Le condizioni di sorveglianza e di guerra continuano a convergere. Il Washington Post non vuole che insistiamo sulla divulgazione giornalistica. Amazon non vuole che insistiamo sulla responsabilità morale. Il Presidente Obama non vuole che insistiamo sulla costituzionalità basilare. Sarebbe una vergogna obbligarli.
Norman Solomon è co-fondatore di RootsAction.org e direttore fondatore dell’Institute for Public Accuracy (“Istituto per la Pubblica Trasparenza” n.d.t.). Fra i suoi libri ricordiamo “War Made Easy: come i Presidenti e gli Esperti continuano a far girare gli Stati Uniti attorno alla Morte.” Per ulteriori informazioni sul documentario basato sul libro : www.WarMadeEasyTheMovie.org
Fonte tratta dal sito .

mercoledì 12 febbraio 2014

Sei uno Zombie?

Sei uno zombie? Reagisci d'istinto a ogni stimolo esterno senza soffermarti a riflettere? Le tue opinioni su ciò che accade nel mondo si sono formate mediante il tuo intuito e la tua conoscenza o sulla base degli input dei mass media? Ti senti intrappolato in uno stato di coscienza che sembra più simile al sonno che alla veglia?

E' probabile che se stai leggendo questo pezzo non ti consideri uno zombie, ma ricorda che comunque sei circondato da zombie. Alcuni dì essi potrebbero essere tuoi colleghi, amici o anche tuoi familiari.
L'America si sta rapidamente trasformando in una nazione di zombie e tutto ciò non è accaduto per caso, ma a seguito di un preciso disegno.
Il sistema ha dichiarato guerra alla coscienza umana. E ha condotto la guerra usando qualsiasi strumento avesse a disposizione. Con la modificazione del comportamento e l'ingegneria sociale i controllori hanno creato una razza di esseri più simili agli zombie dei film che a persone adeguatamente funzionanti.
Hanno raggiunto l'obiettivo in primo luogo tramite il mezzo televisivo. Molti studi hanno confermato che guardare la televisione o addirittura tenerla in background danneggi lo sviluppo cerebrale dei bambini (v. correlati) - e compromette la capacità di apprendere, il pensiero cognitivo e lo sviluppo del linguaggio, oltre ad aumentare le probabilità di sviluppare deficit d'attenzione e problemi sociali.
Nei bambini i programmi televisivi incrementano la tendenza all'aggressività, riducono la capacità di tenere desta l'attenzione e creano una mentalità sclerotica che incarna l'antitesi della vera conoscenza e dell'illuminazione.
E' stato dimostrato che negli adulti la televisione alteri la coscienza, riducendo l'attività elettrica del cervello al di sotto della frequenza Delta, riducendo il pensiero critico e facendo si che ogni messaggio adeguatamente ripetuto finisca per essere abbracciato emotivamente, a dispetto di qualsiasi logica.
Guardare la televisione produce anche l'effetto di rilasciare endorfine le quali agiscono come una sorta di sedativo per lo spettatore, trascinandolo in uno stato di trance con cui diventa altamente suggestionabile ed incline al lavaggio del cervello.
Questo è il motivo per cui spesso si riscontra la stessa quantità di propaganda tanto nelle fiction quanto nei notiziari. Nel 2006 la rete Fox ha ammesso di avere inserito messaggi di ingegneria sociale nelle sue sit-com e fiction allo scopo di indurre i telespettatori ad accettare la retorica di un riscaldamento globale causato dalla attività umana.
Più di recente si è scoperto che alcuni contribuenti statunitensi avrebbero compiuto uno sforzo finanziario di molti milioni di dollari affinché prodotti televisivi e di Hollywood promuovessero nelle loro storie la riforma sanitaria di Obama.
La televisione è l'equivalente attuale della allegoria della caverna platonica. Gli zombie credono reale una proiezione della realtà completamente fabbricata dai controllori. Invece di dibattere di problemi reali, agli zombie è dato solo di discutere di soap opera, sport o politica, la quale di fatto è solo un'altra forma della soap opera che mette in scena un contesto politico fasullo.
Oltre a tutto ciò la TV veicola una cultura deviata nel mondo occidentale e persuade lo spettatore che il bizzarro, bestiale e decadente spettacolo che vede trasmesso sia normale e debba essere emulato.
Il ruolo della televisione non è solo quello di manipolare il comportamento e l'opinione, ma anche di riempire chi la guarda di un senso di disgusto di se, inadeguatezza e inutilità (v. correlati).
Uno degli scopi dei controllori è quello di ritrarre l'umanità come fosse una piaga cancerosa del pianeta - proprio come un'orda di zombie da dominare, schiavizzare e nel peggiore dei casi semplicemente sopprimere
Qualsiasi occasione è buona per esibire la morte e la decadenza. Emblema di questo atteggiamento sono state le dichiarazione del conduttore televisivo Bill Maher quando ha asserito che i media dovrebbero 'promuovere la morte' - incoraggiando l'aborto, il suicidio e la pena di morte - perché ci sarebbero troppe persone sul pianeta.
Siamo costantemente bombardati dal luogo comune della sovrappopolazione terrestre, che la vita umana non sia preziosa, e che tutti noi saremmo gentaglia inutile senza arte né parte. Questa cultura della morte ci viene somministrata con regolarità.
Tutto ciò non è che una manovra progettata per indurre lo zombie ad accettare l'idea che non abbia dignità e che possa essere trattato da schiavo in qualsiasi momento.
Questa cultura della morte sta contribuendo alla soppressione della empatia umana. Quante storie avete visto nel corso degli ultimi anni di persone che tirano dritte di fronte a qualcuno che giace morto o morente, mentre implora aiuto su un marciapiede? La zombificazione ci menoma delle emozioni umane. Ci sottrae tutti i tratti essenziali che distinguono gli esseri umani dagli animali, quali amore, compassione e solidarietà.
Mentre in passato i nostri eroi erano pionieri, inventori, poeti, grandi scrittori, pittori e scienziati, oggi gli eroi sono i partecipanti ai reality ed una serie di personaggi famosi che esibiscono alcuni degli aspetti peggiori della natura umana, ad esempio l'avidità, l'egoismo, l'arroganza, il nichilismo e la superficialità.
Gli eroi del passato erano persone che si erano distinte nei campi della creatività e dello impegno. I nostri media oggi inducono la gente ad esaltare come Dei in Terra personaggi dotati di fama immeritata e fine a se stessa.
Questo stato di trance suscita nello zombie un innalzamento infinito della soglia di sopportazione di qualsiasi abuso e indegnità senza che provi l'impulso umano naturale di resistere o di lamentarsi.
Questa sindrome di Stoccolma di massa, per cui la vittima prova sentimenti positivi verso i propri rapitori, si gioca su base quotidiana. Un recente sondaggio ha mostrato come nonostante i servizi segreti federali siano colti sul fatto a commettere abusi più volte alla settimana, la maggioranza degli americani continua a ritenere che la TSA stia facendo un buon lavoro.
Una psicosi di massa ha colto gli zombie americani. Piuttosto che guardare in faccia la realtà e adottare misure per replicare o anche solo riconoscere il fatto che l'economia, la democrazia e la stessa società civile stiano andando in pezzi, lo zombie sceglie di restare nel suo stato catatonico in cui qualsiasi grido d'allarme viene puntualmente ignorato in favore di una allegra fede nei confronti della propaganda buonistica, accolta come fosse oro colato.
Lo zombie è rapito in un perenne stato di sospensione dell'incredulità, uno stato onirico che lo rende incline all'indottrinamento e alla modificazione del comportamento.
In un recente articolo intitolato Come Mai gli Americani Sono Facili da Manipolare? Bruce Levine spiega come i governanti incaricati del controllo della nostra società stiano ricorrendo a tecniche di condizionamento mentale per annientare la nostra volontà e la capacità di pensare in modo indipendente.
"Oggi, la psichiatria sta trascendendo le tecnologie di controllo comportamentali. Si spinge a decidere quali bambini non siano conformi a causa di deficit di attenzione e iperattività, disturbo oppositivo provocatorio e disturbo bipolare pediatrico, e si arroga la facoltà di riallinearli mediante farmaci fortemente sedativi. Così Big Pharma beneficia della prescrizione dei farmaci, e l'intera lobby psichiatrica gode della legittimazione a stabilire chi debba essere sottoposto a trattamenti di condizionamento e di controllo", scrive Levine.
In aggiunta all'opera attuata dalla televisione e Big Pharma, altri fattori concorrenti alla zombificazione sono dati dall'avvelenamento dell'aria (inquinamento, scie chimiche - n.d.t.), degli alimenti e dell'acqua (v. correlati).
- Molti studi hanno confermato che il fluoruro di sodio nella fornitura di acqua (anche dentifrici e gomme da masticare) non solo provochi il cancro, ma secondo un recente studio di Harvard abbassi il quoziente intellettivo. L'evidenza aneddotica suggerisce chiaramente che gli americani sono sempre più stupidi e sono più facilmente indotti a credere ad ogni frottola per via della loro scarsa intelligenza.
- L'MSG (Glutammato Monosodico - v. correlati) aggiunto ad alimenti sempre più geneticamente modificati, sta portando gli americani a diventare grassi e pigri. Additivi (aspartame, ecc.) e pesticidi negli alimenti stanno conducendo a una condizione generalizzata di deconcentrazione e apatia, e compromettendo la normale stimolazione cerebrale.
- I vaccini contengono mercurio, una tossina mortale che si accumula nel cervello (anche le otturazioni dentarie in amalgama contengono mercurio - v. correlati - n.d.t.)
- Più di un quarto dei bambini ed un numero crescente di adulti in America assumono anti-depressivi che li tengono in uno stato permanente di confusione zombesca - storditi, ipnotizzati, e facili da indottrinare.
Solo ritirandoci dalla realtà fasulla che è stata costruita intorno a noi possiamo sperare di evitare di essere infettati dalla peste zombie. Essere nel mondo, ma non del mondo.
Benché esistano ormai poche speranze di uscirne per le orde di zombie che hanno già da tempo sacrificato la loro volontà e la capacità di pensiero critico ai colossi della ingegneria sociale, ci sono buone possibilità per chi continui a ricercare l'illuminazione spirituale e intellettuale di riaffermare la propria individualità, solo limitando la propria esposizione all'intrattenimento di massa e alla televisione, evitando i danni da farmaci, mangiando alimenti giusti e mantenendo una visione positiva della vita.
Questi sono i passi necessari da compiere per tornare liberi, tuttavia è probabile che la maggioranza degli americani non riuscirà a compierne nemmeno uno in tutta la sua vita - dato di fatto che soddisfa gli ingegneri sociali e aiuta il sistema a mantenere un apporto costante di zombie nella società, così da persuadere il resto dell'umanità non zombificata che resistere alla zombificazione sia una battaglia persa in partenza.
Fonte tratta dal sito .

martedì 11 febbraio 2014

Passaparola -Il bivio ambientale - Grammenos Mastrojeni

lunedì 10 febbraio 2014

Rimanere nell'Euro non ha alcun vantaggio. Lo sostiene uno Studio olandese


Geert WildersUscire dalla moneta unica potrebbe essere la ricetta giusta per far ripartire l'economia: uno studio lo dimostra. Ecco tutti i vantaggi
Uscire dall'euro? Si può. Con le elezioni europee alle porte, la campagna elettorale per i seggi di Strasburgo si annuncia infuocata. Il fronte anti-euro e i partiti euroscettici cominciano ad organizzarsi per accendere la corsa verso il voto e convincere gli elettori che mollare la moneta unica è possibile.
E così in Olanda si portano avanti col lavoro. Il leader del partito di destra olandese Freedom Party, Geert Wilders ha presentato ieri uno studio economico, commissionato alla società di consulenza inglese Capital Economics, che presenta i benefici per l’Olanda rivenienti da una sua uscita non solo dall’Eurozona ma dalla Unione Europea, inserendolo dentro al programma per le elezioni europee su cui chiamerà gli elettori olandesi a votare.
I vantaggi - Lo studio di ben 157 pagine affronta i vantaggi di un’uscita dell’Olanda dall'euro-zona. I vantaggi non sono pochi. Il primo riguarda il maggior potere decisionale da parte di Amsterdam di decidere le politiche commerciali e industriali. Un elemento che di sicuro potrebbe giovare anche all'Italia, dato che dal punto di vista delle politiche economiche e industriali gli ultimi due governi, quello del Prof e di Letta che hanno sempre avallato i diktat di Berlino salvo poi rimangiarsi tutto per bocca di Napolitano. Ma uscire dall'euro, come avvertono dall'Olanda, darebbe un'autonomia monetaria e soprattutto fiscale. L'Europa infatti da sempre impone agli stati membri il regime monetario che discende dalla Bce con le varie regole di Maastricht rafforzate dal Fiscal Compact. Spezzare queste catene di sicuro darebbe nuova linfa all'economia nazionale, sia in Olanda che in Italia.
I costi - Nel caso di Amsterdam è parere comune dei tecnici euroscettici che una politica monetaria molto più lasca (“looser”) rispetto a quella imposta all’Eurozona dalla leadership tedesca potrebbe mettere in moto la ripresa e la rescita. Ulteriori “guadagni”, sempre secondo lo studio Capital Economics, verrebbero sia dalla eliminazione dell’ingombrante (“cumbersome”) regolamentazione che l’UE impone alle aziende, ritenuta particolarmente inefficiente, specie se confrontata con la legislazione interna del vicino UK, sia dal risparmio sui versamenti alla UE (l’Olanda è un contributore netto), sia dall’autonoma gestione dei flussi di immigrazione. L'unico problema riguarda il costo dell'addio all'euro.
Nuova valuta - La preparazione di nuove banconote, modifiche dei sistemi informativi e di pagamento, eccetera sono stati stimati dallo 0,3 al 0,8% del PIL, prendendo come riferimento i costi dell’analoga transizione dal Gulden all’Euro nel 1999-2000, mentre gli eventuali futuri costi di transazione, legati ad avere una moneta propria variano, a seconda di diversi studi, dallo 0,1% allo 0,8% del Pil ma scenderebbero notevolmente se l’area euro rimanesse in piedi dopo l’uscita dell’Olanda.
Le conclusioni dello studio sono che in caso di uscita dalla Ue l’Olanda nel 2035 avrebbe un Pil dal 10 al 13% maggiore che restando nell’attuale situazione. La ricetta del Freedom Party, nonostante sia difficile da realizzare nel breve periodo, convince gli elettori. Il partito euroscettico olandese infatti è attualmente in testa in quasi tutte le proiezioni per le Elezioni Europee, con stime che arrivano persino ad appena un seggio in meno rispetto ai partiti della attuale coalizione di governo. Se ad Amsterdam dovesse partire l'efftto domino anti-euro, la prossima tessera a cascare giù è di sicuro quella Italiana.
Fonte tratta dal sito .

sabato 8 febbraio 2014

Un'illusione chiamata realtà

IllusioneNegli anni '40, Dennis Gabor, premio Nobel per la fisica, sviluppò una teoria matematica che solo venti anni dopo, grazie allo sviluppo tecnologico, poté essere meglio esposta e compresa.
Essa infatti richiedeva l'invenzione del laser, per apparire in tutta la sua strabiliante originalità. Aspect ed il suo team hanno infatti scoperto che, sottoponendo a determinate condizioni delle particelle subatomiche, come gli elettroni, esse sono capaci di comunicare istantaneamente l'una con l'altra, indipendentemente dalla distanza che le separa, sia che si tratti di dieci metri o di dieci miliardi di chilometri.
È come se ogni singola particella sapesse cosa stiano facendo tutte le altre. Questo fenomeno può essere spiegato solo in due modi: o la teoria di Einstein che esclude la possibilità di comunicazioni più veloci della luce è da considerarsi errata, oppure le particelle subatomiche sono connesse non-localmente.
Parlando della non-località applicata alla forza gravitazionale: come fa la terra a sapere che io ci sono, per tirarmi verso il basso?!
Oppure riguardo all'interazione nucleare forte: perché un elettrone rimane intorno al nucleo piuttosto che andarsene altrove?
Cioè, come fanno a comunicare?
Arrivare però a dire che la realtà è un'illusione confermando quanto vanno dicendo da millenni le tradizioni esoteriche, sia Occidentali che Orientali, è veramente rivoluzionario. È addirittura esageratamente oltraggioso, quasi ridicolo agli occhi di qualche scienziato legato a modelli di comprensione tradizionali - o forse verrebbe da dire “superati” David Bohm da tempo scomparso scomparso, e già fortemente rimpianto, Bohm, fu uno dei più illustri scienziati dell'era contemporanea.
Costui, grazie al concetto di “ologramma” è riuscito a spiegarci in termini scientifici che cos'è il velo di maya di cui la filosofia indiana, ha sempre parlato, illuminando gli occhi di chi ha orecchie attente. Dalle teorie di Bohm, si evince che le energie elettromagnetiche e l'intera realtà fisica, sono create dalla prodigiosa e “magica” natura delle particelle subatomiche, le quali, incredibilmente, si presentano sotto il duplice aspetto di particelle e di onde.
Ciò permette a tali particelle di rimanere in contatto e di venire quindi informate a vicenda, indipendentemente dalla distanza che le separa, la quale dunque, a questo punto, è una pura illusione.
Le distanze quindi, servirebbero alla mente, per organizzare meglio i dati sensoriali provenienti dal mondo “esterno”, esse però, tranne che nella costruzione di questo ordine mentale, non esistono in realtà.
In sostanza, secondo Bohm, le particelle non sono entità individuali ma estensioni di uno stesso organismo; il fatto che appaiano separate, deriva dalla nostra incapacità di vedere la realtà nella sua interezza.
Noi vediamo solo la parte e non il tutto, non riuscendo dunque a capire che il tutto è la parte e la parte è il tutto.... La stessa capacità umana di attingere all'istante, ad un qualsiasi ricordo, tra miliardi e miliardi di informazioni contenute nel nostro cervello, non fa che avvalorare la “non-localizzazione” dei ricordi, e quindi la non “catalogabilità” del tempo.
Queste importanti rivelazioni, di parte del mondo scientifico contemporaneo, che per chi ha familiarità con l'energia e le sue incredibili manifestazioni, non sono che l'ennesima conferma di saggezze antiche, possono dunque dirigere il mondo intero verso una convivenza migliore.
Se tutto è connesso infatti, è assolutamente controproducente da parte di un essere, provocare il dolore o addirittura la morte di un altro essere... Ad un livello profondo di realtà infatti, Bohm direbbe “implicito”, è come far male a se stessi.
Gli indiani parlavano di karma, ma ne parlavano già 3500 anni fa. Dobbiamo aspettare ancora?
Fonte tratta dal sito .

venerdì 7 febbraio 2014

Negli Usa il Cardinale George nascose decenni di abusi sessuali sui minori


Migliaia le pagine di documenti interni postati online oggi [22 gennaio 2014] e pubblicati grazie ad accordi tra avvocati della arcidiocesi e le vittime.
In questi documenti si descrive come per decenni i preti venivano spostati da parrocchia in parrocchia mentre l'arcidiocesi nascondeva ai patroni le storie dei preti e nella più parte dei casi con l'approvazione dei cardinali Cody e Joseph Bernardin.
“La questione non è quando avvenne l'abuso, ma ciò che fecero una volta che veniva riportato”, ha detto il legale di Chicago Marc Pearlman, che ha rappresentato circa 200 vittime di abuso clericale nell'area di Chicago.
Anche se sembra inquietante, ovunque sul globo si son sentite storie di abuso sessuale ad opera del clero della Chiesa Cattolica Romana; i documenti pubblicati di recente offrono una ampia panoramica su come una delle più ampie e prominenti diocesi americane, ha risposto allo scandalo, persino anni dopo l'avvenuto abuso.
L'arcidiocesi ha pubblicato una dichiarazione martedì us in cui ha detto che sa di aver preso “decisioni decenni fa che ora sono difficili da giustificare” e che “la società si è evoluta nella modalità di gestione dell'abuso”.
“Dove era la chiesa per le vittime di questi pedofili, contorti malati e dementi?”. Nel 2002 un uomo scrisse una lettera a George in merito all'abuso per mano del reverendo Norbert Maday, che fu imprigionato nel Wisconsin dopo una condanna per aver molestato 2 ragazzi nel 1994.
“Perché la Chiesa non si è curata di noi? Eravamo bambini, per Dio!” I documenti mostrano che George ha cercato di far uscire prima di galera Norbert Maday.
Il Cardinale George sta aspettando il permesso dal Papa Francesco per andare in pensione e con buona ragione. George, il 77enne sopravvissuto al cancro, divenne arcivescovo nel 1997 ma ritardò di rimuovere il Rev. Joseph R. Bennett dalla sua carica, nonostante avesse saputo che il prete era stato accusato di abuso sessuale sui bambini, nei decenni precedenti.
Nominare un successore di George sarà il primo grande appuntamento della Chiesa in USA.
Fonte tratta dal sito .

martedì 4 febbraio 2014

IN QUALE ARTICOLO DELLA COSTITUZIONE PIU’ BELLA DEL MONDO E’ DATO POTERE AL GOVERNO DI SBIRCIARE OGNI OPERAZIONE BANCARIA IN ASSENZA DI REATI ? (LO SMALTIMENTO DIFFERENZIATO DELL'EURO)


agenzia
Mi sveglio questa mattina, e trovo un accorato tweet di Thomas Manfredi. Al che intuisco che si sta mettendo male. Reagisco quindi con la mia consueta scanzonatezza:
Poi vado nella timeline di Alessandro Guerani, dove trovo la conferma della mia intuizione, questo articolo della Stampa: "Dal 1° febbraio al via i controlli sui conti correnti". La ratio legis è come sempre ovvia e bifronte: la faccia presentabile è quella dei controlli contro l'evasionefiscalebruttochecihamessoincrisi (dettaglio: l'evasione fiscale, che è un crimine odioso, esiste almeno dal tempo del triumvirato - non Craxi, Andretti, Forlani: Cesare, Pompeo e Crasso - ma il nostro reddito ha cominciato ad slittare inesorabile verso il baratro dal 1997, data dell'aggancio all'Ecu con la parità sopravvalutata che avremmo mantenuto nell'euro:



tanto che ormai perfino a sinistra - quella vera - si parla di evasione di sopravvivenza, visto che le imposte raccolte si sa dove vanno a finire: nel salvataggio delle banche tedesche. E qui chiudo la parentesi).

Poi c'è la faccia impresentabile, quella vera. Quando si impone una moneta unica a paesi diversi, alla fine si è costretti ad intervenire a valle con trasferimenti, e se non ci sono trasferimenti di reddito dal Nord verso il Sud, che consentano a quest'ultimo di ripartire e di ripagare i propri debiti, ci dovranno necessariamente essere trasferimenti di ricchezza dal Sud verso il Nord, cioè espropri corrispondenti a un'esecuzione coattiva di debiti che sono stati per lo più contratti a seguito di comportamenti poco avveduti del creditore.

Questo è quello che ha chiesto Weidmann nel giorno della memoria, che è appunto il giorno nel quale ci ha ricordato chi comanda, e come intende esercitare la propria leadership.

Va da sé che l'esproprio deve avvenire per motivi giusti e santi, ovvero per ridurre la disuguaglianza, della quale improvvisamente si sono tutti accorti. Si è presentata così, inaspettata, come una vincita alla lotteria o uno tsunami, sul panorama dei nostri media, guarda caso proprio la sera del 27 (data delle dichiarazioni di Weidmann). Io stavo in pizzeria, marcio di fatica dopo una giornata passata a organizzare il #midtermgoofy con Vanna, prima di andare dai simpatici gesuiti di Pescara, e sento che il Tg5 titola sull'orrenda disuguaglianza, che certo, ora che si è presentata, eh, suvvia, occorrerà ben fare qualcosa...

Ma la disuguaglianza, siamo sicuri che esista dal 27 gennaio 2014? Io no, e del resto nemmeno l'istituzione per la quale il buon Thomas, che vedo un po' preoccupato, lavora.

Quindi il Tg5 del 27 gennaio 2014 puzzava di velina, ed era facile capire in questo caso chi l'avesse scritta: direttamente la Bundesbank, per la quale l'accettazione da parte del pubblico di una patrimoniale una tantum potrebbe essere assicurata presentandola come una misura volta a ridurre le disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza:

Mit Blick auf die gesellschaftliche Akzeptanz und politische Durchsetzbarkeit der einmaligen Vermögensabgabe könnte diese ferner eine gewünschte verteilungspolitische Ergänzung zu den übrigen Sparanstrengungen bilden, die die Vermögenden verstärkt an der Anpassungslast beteiligt, zumal da die konkreten Verteilungswirkungen für ein gegebenes Aufkommen mit Freibeträgen und dem Tarifverlauf gestaltbar sind (qui, a p. 53).

Una frase che, dopo l'accorata segnalazione da parte di Claudio Borghi, ha scatenato un patetico dibattito su Twitter fra improvvisati filologi, essendo abbastanza chiaro il senso, no? Se la crisi è, come ci conferma il vicepresidente della Bce, una crisi di debito privato dovuta al fatto che i mercati non si sono comportati come avrebbero dovuto, chi può credere alla favoletta della Banca centrale tedesca che improvvisamente si impietosisce per la terribile disuguaglianza che l'ira divina ha fatto abbattere sull'Italia, e che caritatevolmente ci suggerisce come rimediare ad essa, nota bene, per risolvere il problema del debito pubblico!?

Solo qualche porco collaborazionista, verrebbe da rispondere.

Quindi un dato è certo: ci metteranno le mani nei conti in banca, come qui ampiamente anticipato. E allora il controllo dei conti correnti ha un significato ben preciso, come nota Alessandro Guerani: monitorare, nell'Europa libertaria dei liberi movimenti di capitale, eventuali trasferimenti all'estero, fatti a scopo difensivo, anche se leciti.

Ma fino a qui, niente di nuovo.

Voglio invece parlarvi del mio nuovo tema di ricerca. Mi sto occupando dello smaltimento differenziato dell'euro. Voi direte: "Ah, sì, quella cosa dell'euro a due velocità, Neuro e Seuro... Ma è roba vecchia!". Certo che è vecchia, e non può, secondo me funzionare, nel senso che non ci risolve il vero problema. E infatti non mi sto occupando di questa roba qua, cioè della segmentazione dell'euro, ma del suo smaltimento differenziato.

"E che cos'è?", chiederete voi.

Semplice.

Giustizia vuole che chi è stato così imbecille da volere e difendere questo sistema, dopo essere portato a fare un bel giro nel boschetto di faggi, possa anche restarci dentro. Scusate: ma vi pare giusto che noi siamo qui da anni a dire quello che succederà (e poi succede sempre), a mettere in guardia tutti (e poi non ci ascolta nessuno), a sacrificare la nostra esistenza e la nostra carriera (mentre gli altri se ne battono il belino), per cercare di salvare tutto il nostro paese?

A me no.

Vi pare giusto che mentre noi eravamo fin dall'inizio preoccupati per le sorti del continente, solo oggi si sveglino i piddini, preoccupati per il loro fottuto conticino in banca? Vogliamo salvare della gente così miope, gretta, squallida, vile, meschina? Se lo merita? Ne siamo sicuri?

Secondo me bisogna rispondere in modo affermativo alla domanda provocatoria di Aldo Giannuli: la base della sinistra in effetti sembra fatta di deficienti, ed è quindi una strategia evoluzionisticamente superiore quella di lasciarla nel sistema che la sta portando allo sterminio.

Sto quindi occupandomi dello smaltimento differenziato dell'euro, cioè di un sistema che consenta a noi di tornare a fare una vita normale, con i suoi alti e i suoi bassi, una vita dove se sbagli paghi e se fai la cosa giusta guadagni, una vita dove ci saranno crisi, ma ci saranno strumenti per risolverle, una vita dove bisognerà prendere decisioni politiche, ma lo si potrà fare perché la democrazia avrà ripreso i suoi spazi, un sistema, insomma, che lasci a noi fare tutto questo, e permetta agli imbecilli piddini, confinati in opportune riserve indiane, di continuare a tenersi il loro fottuto euro e di andare felici incontro alla morte per difenderlo, che permetta ai piddini di continuare ad essere governati da altri nell'interesse di altri, che permetta ai piddini di continuare a crogiolarsi nel proprio ributtante autorazzismo.

Smaltimento differenziato, insomma, significa far sì che chi vuole l'euro possa tenerlo, perché non è giusto che, per salvare noi stessi, noi si debba salvare anche questa marmaglia di pezzenti intellettuali che si destano solo ora che viene intaccato il loro squallido particulare, questi esseri spregevoli che al calduccio dei loro tinelli hanno assistito inerti al massacro di intere nazioni, come la Grecia, e di intere generazioni di loro connazionali.

Loro l'euro se lo meritano tutto. Noi no. E quindi è giusto che noi ce ne liberiamo, e lo lasciamo a loro.

Non è un tema facile da affrontare, ma con un po' di impegno sono sicuro che riusciremo a risolverlo: nil difficile volenti. E intanto, forti del nostro aver poco da perdere, o del nostro esser disposti a metterlo in gioco per amore del nostro prossimo e del nostro paese, godiamoci lo spettacolo dello sbigottimento di questi poveri imbecilli...

(...ah, una notazione di metodo: avete visto quanto è facile essere originali, pur riconoscendo ad ognuno la paternità delle proprie idee? Anch'io stimo Thomas, Claudio, Alessandro. Quindi li nomino. As simple as that, e chi non lo capisce non lo vuole capire, e si merita l'euro!

Yours.

Job Rattlesnake)
Nudus egressus sum de utero matris meae et nudus revertar illuc. Dominus dedit, Dominus abstulit; sicut Domino placuit, ita factum est: sit nomen Domini benedictum... Iob, 1, 21)
********************************
Fonte tratta dal sito .