lunedì 29 maggio 2017

FIAMME GEMELLE: Quando una è impegnata in un altra relazione



Due testimonianze particolarmente forti, toccanti e mature, di due care amiche del sito, mi danno l’appiglio per trattare due questioni fondamentali, delicate e complesse che toccano molte F.G. Ritengo meritino perciò qualcosa di più di una risposta nel blog. La prima riguarda la situazione in cui una delle F.G., o entrambe,vivono già una relazione di coppia con un altro partner. La seconda tratta di quando la separazione non è indotta da qualcosa di esterno, ma dalla immaturità delle F. G. stesse. Partirò dal primo problema, che, dai riscontri che ho raccolto, sembra molto frequente. Quando parliamo di Amore tra Fiamme Gemelle,dobbiamo sempre partire da una piattaforma che è anche la chiave di lettura di molte situazioni particolari.

Uno dei punti subito enunciati dai Maestri all’occasione delle mie prime difficoltà con la mia anima gemella fu chiaro e netto: il primo apprendimento di questo incontro è l’abbandono del possesso. Il secondo fu l’inclusività: l’amore tra le F.G. deve comprendere e non escludere. Ne deriva che se una delle F. G. ha già un partner, l’altro gemello deve rispettare questa relazione, accettarla e non cercare nullamente di scioglierla, a
meno che non sia l’altro a volerlo. In modo particolare se questa coppia è evoluta ed equilibrata (anime compagne) potrà far posto al gemello per quel che riguarda i compiti spirituali che egli deve svolgere col suo partner d’anima, senza distruggere il rapporto preesistente, ma cooptandola nel progetto. 


L’ideale è la formazione di triangoli e quadranti in cui due anime compagne lavorano insieme ad una delle F.G. per compiti superiori, cure a distanza, ecc. Il discorso cambia se l’ irruzione sulla scena della F.G. dà improvvisa consapevolezza all’ altra che il vecchio rapporto ha fatto il suo tempo, ha esaurito la sua ragion d’essere. Se si tratta cioè di un rapporto karmico che allora si può decidere di sanare e chiudere definitivamente. Cito
l’esempio di un’ amica la cui anima gemella era già sposata, aveva molti anni di più e, infine, apparteneva ad un ceto sociale molto più elevato. Tipiche sfide gemellari. In questo caso l’ incontro gemellare diede a lui la forza di riconoscere l’ inutilità di un rapporto che veniva mantenuto in vita da anni solo per ragioni sociali, di facciata, e il coraggio di troncarlo. La prospettiva cambia ancora nel terzo caso, cioè nel caso che il partner della propria F. G. non sia evoluto abbastanza da comprendere le peculiarità della relazione F. G., e anzi si opponga ed ostacoli il Piano Divino dei due, impedendo loro di incontrarsi e frequentarsi per lavorare in stretta sintonia ad esso. Occorre sempre tener presente che la priorità in queste valutazioni deve essere data al Piano Divino e non alla realizzazione di coppia delle F. G. Questa può anche non realizzarsi sul piano terreno, ma il Piano Divino è voluto dallo Spirito e dal Creatore, e non c’è forza, in Cielo o in Terra, che possa opporsi ad esso. 


Quindi un partner-ostacolo verrà prima o poi rimosso dalle tremende energie della ri-
congiunzione, quella forza magnetica che dirige e ordina il ritorno all’Unità. Sarà cioè il Risveglio stesso di ciascuna F. G. a rendere, prima o poi, insopportabile qualsiasi rapporto che non sia retto dall’Amore incondizionato. E questo sotto pena di grande sofferenza. L' incontro tra Fiamme Gemelle segna la fine automatica dei rapporti della vecchia energia, basati su possesso, gelosia, ecc. Il rapporto tra F. G. è per sua natura un rapporto aperto, libero e inclusivo, come lo saranno tutte le relazioni nella Nuova energia. 


Queste sono le linee-guida che ho ricevuto, e spero possano essere di anche minimo aiuto a quelle F.G. che soffrono per situazioni di compromesso e scrupoli di coscienza ben comprensibili. Ma ancora tanto se ne potrà disquisire.
Fonte tratta dal sito .

0 Comments: