lunedì 8 maggio 2017

Ghiandola Pineale: La guerra occulta alla Ghiandola Pineale - Seconda parte

Ghiandola pineale: fenomenali poteri cosmici in un minuscolo spazio vitale..

C’è un incredibile potere nascosto in ognuno di noi. Lo sapevano anche le popolazioni più antiche, maestri di vita e attenti conoscitori dell’uomo. In origine era chiamata il “terzo occhio” e le venivano attribuiti poteri mistici: si tratta della cosiddetta Ghiandola Pineale, conosciuta dalla medicina ufficiale come la ghiandola endocrina Epifisi.

La medicina orientale da sempre afferma che le informazioni ricevute dai campi di energia sottile attraverso la ghiandola pineale sono decodificate e trasmesse lungo la colonna vertebrale come vibrazione risonante. L’informazione viaggia ad altre parti del corpo attraverso canali di energia, campi bioelettrici, fibre nervose e sistemi di circolazione.


Secondo le scuole misterosofiche la Pineale sarebbe addirittura il famigerato “Santo Graal”. Come il Graal è simbolo dell’unione dei due principi cosmici complementari in seno all’Uno, così la Pineale è l’unione dei due emisferi celebrali, la sintesi di anima e corpo. In effetti, si dice che il Graal sia una coppa, però nessuno l’ha mai vista. E’ noto però che chiunque beva dalla Coppa acquista vita eterna, guarigione da tutte le malattie e l’illuminazione. La Ghiandola Pineale (a forma di cono, che ricorda una coppa) è appunto un “contenitore” da cui noi potremmo bere un “liquido” di questa portata fantastica. All’interno della Pineale si produce infatti la famosa melatonina, il più potente antiossidante naturale: rafforza il sistema immunitario, ha un effetto antinvecchiamento e aumenta le capacità psichiche… e magari anche quelle paranormali. La pineale produce non a caso DMT, ossia sostanze che si trovano anche in quelle allucinogene.

Si tratta dunque di un viaggio appassionante nelle culture, nel tempo e nello spazio alla ricerca dei simboli – come la pigna e l’ “occhio”- legati alla ghiandola pineale: dai Sumeri all’antico Egitto, passando per le rappresentazioni del Buddha, di Shiva e del potere papale. Per finire con un’affascinante ipotesi: siamo nell’epoca di un’iniziazione di massa causata dal risveglio della pineale a opera dell’inversione del campo magnetico terrestre.


Qual è questo potere e in che modo cercano di togliercelo..



Il nostro cervello è diviso in due emisferi e in un’intercapedine, in una scanalatura, presente tra questi si trova una ghiandola, produttrice di melatonina e che influisce, ad esempio, sulla modulazione del sonno e della veglia. Questa si chiama ghiandola pineale, proprio perché è a forma di pigna! Nota: è anche conosciuta come epifisi (il termine scientifico più comune a tutti) o “Terzo Occhio“.

C’è una spiegazione per cui questa ghiandola viene chiamata terzo occhio, anche se non si trova ai lati del naso ma nascosta nella nostra scatola cranica: essa sarebbe in grado, attraverso un adeguato allenamento, di metterci in contatto con le energie che regolano il cosmo permettendoci di viaggiare in altre dimensioni, compiendo una proiezione astrale (e gli appassionati avranno sicuramente pensato al secondo potere di Prue Halliwell, la prima sorella che ha composto il trio, fino alla terza stagione, nella famosa serie televisiva “Streghe”). Addirittura, con un allenamento più intenso possiamo controllare le azioni e i pensieri delle altre persone che popolano questo mondo e che hanno una ghiandola ancora dormiente, a causa del suo scarso allenamento.. sono in pratica affetti da “ghiandola pigra”!! Viene a questo punto da dire una cosa: wow! Si è sempre detto che l’uomo utilizzava in realtà solo una piccola parte del suo cervello e che sarebbe in grado di fare molte più cose se solo imparasse a sfruttarlo.

Prima di procedere oltre, è giusto e doveroso sottolineare che l’epifisi, ghiandola dai grandi poteri, non è un’invenzione dei nostri giorni. Molte culture hanno da sempre “studiato” la ghiandola in questione, ghiandola che si trova simpaticamente all’unione fra le due metà del cervello e non è doppia come le altre componenti della nostra attività cerebrale. Il primo che citiamo è un nome noto: Cartesio.. Forse non è molto indietro nel tempo ma mi pare un nome di tutto rispetto! Il filosofo-matematico riteneva che la ghiandola pineale fosse il punto di incontro tra res cogitans e res extensa, cioè quella parte in cui anima e corpo si congiungono.

Stabiliamo una prima connessione tra passato e presente passando per Cartesio: la ghiandola è anche detta Terzo Occhio. Questo nome è giustificato dal fatto che è una ghiandola fotosensibile. Ma il nome di terzo occhio era già stato attribuitole secoli prima dello stesso Cartesio. Come è possibile? Andiamo avanti.

Volgiamo uno sguardo al mondo infinito dell’iconografia, religiosa soprattutto: molte filosofie-religioni orientali, che hanno anch’esse una storia cominciata molto prima dell’occidentale filosofo francese, rappresentano le loro divinità con in testa un “cappello” a forma di pigna. Come mai? Forse il riferimento è proprio alla ghiandola pineale e il “cappello” sta ad indicare un livello superiore di consapevolezza e potere, come è appunto nel caso di divinità. La stessa cosa troviamo nelle culture dei sumeri, assiro-babilonesi ed egiziani. E oltre che in testa la pigna la vediamo anche in mano, con un significato un po’ diverso ma che sempre a quello ci porta. Egiziani e romani hanno anche delle divinità con una pigna sullo scettro; rispettivamente sono: Osiride e Bacco. La pigna starebbe a rappresentare la ghiandola che durante i riti in loro onore verrebbe stimolata perché il seguace possa entrare in comunicazione col dio.

Pigna presente anche sui bastoni dei pontefici cristiani, bastoni che probabilmente si ispirano al caduceo, che rappresenta la doppia elica del DNA.

Capigliature a pigna sono servite per Shiva, Akhnaton, che ha un serpente tra i capelli, e il Buddha. Le fontane, meravigliose e zampillanti, non si sono fatte sfuggire la moda sempiterna della pigna. Il fatto che la pineale, permettendoci una visione più alta, è anche chiamata terzo occhio: è quindi associabile all’Occhio di Ra delle scuole mistiche egizie.

Stando agli studi di Rick Strassman, l’epifisi produce un molecola, la dimetil-triptamina, in concomitanza con certi particolari eventi e la produzione abbondante di questa molecola favorirebbe l’accesso a stati mistici.

Alcuni parlano di un’evoluzione dell’uomo, e non tanto di fine del mondo, che porterà ad una risintonizzazione cosmica del nostro DNA. Cos’è che verrà coinvolto in primis? Proprio la pineale!

Attenzione, adesso, a questo punto: i grandi governi e le società segrete (scusate il ripetermi ma continuo a pensare ad Umberto Eco e al suo “Pendolo di Foucault” quando si parla di società segrete) per anni, decine di anni, secoli e millenni, hanno cercato di sviluppare appieno le potenzialità della piccola pigna.. che sarà sì fonte di grandi poteri, ma detta così sembra, all’apparenza, indifesa e del tutto innocente. A questo non poteva se non affiancarsi il controllo delle masse, cioè il controllo delle ghiandola che ognuno di noi ha.. ogni persona ha un pigna.. e un insieme di persone fa pensare ad una pineta!

Qual è la kryptonite della pineale che permette ai governi di controllarla? O meglio, di renderla inoffensiva e incapace di funzionare a dovere? Il fluoruro, il fluoruro di sodio, anche conosciuto più semplicemente come fluoro, come risulta anche dalle ricerche di Corrado Malanga e da quelle di Jennifer Luca, risalenti alla fine degli anni Novanta. “Quindi non conviene più lavarsi i denti?” – Certo che dovete continuare a lavare i denti! Evitate però i dentifrici che contengono questa sostanza. Innanzitutto il fluoruro è dannoso per le ossa e quindi anche per i denti, è velenoso e può portare gravi malattie, inoltre è il peggior nemico della ghiandola pineale perché essa funge da spugna magnetica per il fluoruro! Cioè lo assorbe e lo trattiene, calcificandosi. Quando si calcifica, non è più in grado di compiere le sue funzioni, che abbiamo detto sono anche quelle di regolazione dei ritmi sonno-veglia. Il fluoruro è presente anche in altri alimenti, preparati attraverso processi meccanici; in alcune gomme da masticare; nella cola e anche nell’acqua! Alle volte le acque potabili possono contenere un quantitativo di fluoruro, quindi meglio attrezzarsi con un depuratore. Pensate che i nazisti facevano bere ai loro prigionieri nei campi di concentramento l’acqua insaporita al fluoruro per instupidirli e renderli più docili.

Perso l’uso della ghiandola, che fine faremmo? Stupidi automi schiavi di società segrete e governi ombra? Incapaci di vivere appieno una spiritualità che in potenza potrebbe essere molto più intensa di come è adesso? Già rischiare di danneggiare il ritmo sonno-veglia è un pericolo che ci mette in guardia dal fluoruro!


La Ghiandola pineale produce ciò che e' comunque conosciuto come DMT, sostanza in grado di portare l'individuo ad avere viaggi extradimensionali, e extratemporali.
Ciò accade di notte durante i sogni, quando la Ghiandola pineale e' maggiormente attiva. Apparentemente, ad oggi non si da' molta importanza al terzo occhio come in passato ciò ha portato ad atrofizzare graduale di tale organo ed alla perdita di valori "obsoleti" quali la spiritualità, l'amore per il prossimo ma ciò coincide "incredibilmente" anche con un rimbambimento delle masse.

All'interno della Ghiandola pineale scorre acqua, che con il passare del tempo calcifica. Questo porta ad una atrofizzazione della Ghiandola. Tale processo di calcarizzazione ed atrofizzazione viene accelerato prevalentemente a causa dell'alimentazione moderna:in particolare con l’uso dei composti di Fluoro usati come additivi nelle acque, bevande, alimenti e presidi medici comuni, come i dentifrici bibite gassate, acqua fluorizzata, zuccheri raffinati.

La Ghiandola pineale si attiva e si "decalcifica" di notte, con l'oscurità e con il sonno, pertanto per riattivare tale organo atrofizzato, nella maggior parte della gente sono necessarie queste due azioni: dormire e meditare.

Il consiglio è quindi di evitare il più possibile l’assunzione di fluoro, leggete le etichette dell’acqua in bottiglia se ancora ne fate uso, cercate dentifrici senza fluoro


altre fonti di assunzione di fluoro sono:

chewingum
medicinali
bevande gassate (coca cola – pepsi etc…)
te in bottiglia o lattina
gatorade
bastoncini di pesce (meccanicamente disossati)
bastoncini di pollo (meccanicamente disossati)
cibi cucinati in contenitori col fondo in teflon (Il fluoro è impiegato nella produzione di plastiche a bassa frizione come il teflon, e in liquidi refrigeranti come il freon.)
alcuni sali da cucina fluorati
alcuni tipi di anestetici (Enflurane, Isoflurane & Sevoflurane)







 


TOP SECRET- CIO’ CHE NON VOGLIONO FARVI SAPERE 

In ogni essere umano la Ghiandola Pineale o terzo occhio può essere attivato a frequenze del mondo spirituale e vi permette di avere il senso della conoscenza del tutto, dell’euforia divina e dell’unità intorno a voi. La ghiandola pineale, una volta sintonizzati su frequenze proprie con l’aiuto della meditazione, yoga o vari esoterici metodi occulti, permette ad una persona di viaggiare in altre dimensioni, popolarmente conosciuti come viaggio astrale o proiezione astrale o visione remota.Con la pratica avanzata e i metodi antichi è anche possibile controllare i pensieri e le azioni di persone nel mondo fisico. Sì, è bizzarro, ma gli Stati Uniti, i governi dell’ex Unione Sovietica e le varie organizzazioni occulte hanno fatto questo tipo di ricerca per età e hanno avuto successo ben oltre la nostra immaginazione.

La Ghiandola pineale è rappresentata dalla Chiesa Cattolica Romana, ecco nell’immagine il “cortile della pigna” nei Musei Vaticani.( foto in alto)


Le società antiche come gli Egizi e Romani ne conoscevano i benefici e l’hanno esemplificato nelle loro vaste simbologie contenenti il simbolo di un occhio.Un riferimento alla ghiandola pineale è anche sul retro della banconota da un dollaro negli Stati Uniti con quello che viene chiamato “occhio che tutto vede”, che si riallaccia alla capacità di un individuo (o gruppo di individui) di utilizzare questa ghiandola per andare verso l’altro lato (nel mondo spirituale) e, eventualmente, controllare i pensieri e le azioni di persone nel mondo fisico sapendo cosa stanno pensando in ogni momento nel nostro mondo fisico.Varie ricerche condotte fino ad oggi confermano che ci sono alcuni periodi nella notte, tra l’una e le quattro del mattino in cui vengono rilasciate sostanze chimiche nel cervello che provocano sentimenti di connessione alla propria fonte superiore.






COME STANNO UCCIDENDO LA NOSTRA GHIANDOLA PINEALE

Alla fine degli anni ’90, uno scienziato di nome Jennifer Luca realizza il primo studio sugli effetti di fluoruro di sodio sulla ghiandola pineale. E determina che la ghiandola pineale, situata al centro del cervello, è stata un obiettivo per fluoruro. La ghiandola pineale semplicemente assorbe più fluoro rispetto a qualsiasi altra parte fisica del corpo, anche le ossa.La ghiandola pineale è come un magnete per il fluoruro di sodio. Questo calcifica la ghiandola e ne blocca la fondamentale funzione di bilanciare gli interi processi ormonali nel corpo.Varie ricerche sul fluoruro di sodio hanno dimostrato che esso va ad accumularsi proprio nella pineale, che di gran lunga è la ghiandola più importante nel cervello. Il fluoro è l’unica sostanza in grado di attaccare il centro più importante del cervello. Il Fluoruro è di sodio è prevalente negli alimenti, nelle bevande e nell’acqua potabile e da bagno: è messo nel 90% delle acque . I filtri per l’acqua che si acquistano nei supermercati non tolgono il fluoro dall’acqua. Solo la distillazione e il processo di osmosi inversa è in grado di farlo. Il modo più economico per evitare il fluoruro è quindi quello di acquistare un distillatore d’acqua.Il Fluoruro di sodio è nel nostro approvvigionamento di acqua, cibo, pepsi, coke e letteralmente instupidisce le masse. Il fluoruro è stato introdotto in acqua dai nazisti e dai russi nei loro campi di concentramento per rendere la popolazione del campo docile e non in discussione con le autorità.Io non sono un teorico della cospirazione, ma credo che se si disattiva la sede dell’anima, questa disconnette la nostra unità con il nostro Dio e la potenza della nostra fonte di spiritualità e ci trasforma in uno schiavo mondano di società segrete, di organizzazioni occulte che controllano mostruosamente il mondo delle imprese. 
“Non credere in qualcosa semplicemente perché l’hai sentito. Non credere in qualsiasi cosa semplicemente perché se ne parla da parte di molti. Non credere in qualsiasi cosa semplicemente perché si trova scritto nei tuoi libri religiosi. Non credere in qualsiasi cosa soltanto per l’autorità dei tuoi insegnanti e degli anziani. Non credere nelle tradizioni perché sono state tramandate per molte generazioni. Ma dopo l’osservazione e l’analisi, quando scopri che qualcosa è d’accordo con la ragione e favorisce il bene e beneficio di tutti, allora accettala e vivi su di essa.“
-Buddha-




Altre ricerche per il fluoro





 

Il fluoruro di sodio (Silicofluoride), è un di tipo di scarto di sostanza industriale pericoloso che si ottiene durante la produzione di fertilizzanti.

La sua storia passata include l’impiego di tale sostanza come veleno per topi e insetticida. Ci sono molti studi che dimostrano come il fluoruro di sodio venga accumulato nel organismo, portando allergie, disturbi gastrointestinali, indebolimento delle ossa, cancro e problemi neurologici.In questo caso, l’EPA’s Union (un gruppo di scienziati) ha pubblicato uno studio (white paper) che condanna la fluorizzazione dell’acqua potabile. Inoltre, come prodotto di scarto oltre che a essere pericoloso, è estremamente costoso da smaltire.E forse per tale motivo (e non solo), questa sostanza inquinante altamente tossica più del piombo e quasi alla pari all’arsenico, viene usata per l’utilizzo umano





Il Fluoruro di sodio contenuto nei dentifrici, chewing gum e altri prodotti è tossico





Il fluoruro di sodio è un ingrediente comune dei veleni per topi e scarafaggi, degli anestetici, dei farmaci psichiatrici (Prozac) e ipnotici e del gas nervino (Sarin).



Prove scientifiche indipendenti hanno rivelato che il fluoruro causa vari disturbi mentali, oltre poi a ridurre la durata della vita e a danneggiare la struttura ossea.

I danni accertati dall’ingestione del fluoro sono:

Rischi al cervello (NRC National Research Council), 1 ppm, ossia una parte per milione di fluoro può produrre nei bambini deficienze di apprendimento e difficoltà di concentrazione. Ricordiamo che nei dentifricidi uso comune c’è una quantità di circa 1500 ppm.
Rischi per la ghiandola tiroidea, il fluoro agisce come smembratore endocrino, sempre secondo NRC 0.01 – 0.03 mg di fluoro per Kg al giorno possono ridurre le funzioni della tiroide in soggetti con basso tasso di iodio, questa riduzione può portare ad un calo dell’acutezza mentale, depressione e aumento di peso corporeo.

Un altro studio scientifico americano ha concluso che il fluoro può alterare sottilmente la funzione endocrina, specialmente nella tiroide – la ghiandola che produce gli ormoni che regolano la crescita e il metabolismo. Si sottolinea in una nota inoltre che “una serie di studi epidemiologici in Cina, hanno associato l’esposizione al fluoro con un basso quoziente intellettivo”.


Rischio per le ossa, il fluoro riduce la resistenza delle ossa ed espone a fratture, per ora non ci sono dati sul quantitativo di fluoro oltre il quale aumentano i rischi per le ossa, l’unico dato disponibile parla di 1.5 ppm.

Rischio di cancro alle ossa, studi su animali ed umani, inclusi gli ultimi studi dell’università di Harvard hanno stabilito con certezza il collegamento tra fluoro e osteosarcoma (cancro delle ossa) in uomini al di sotto di 20 anni. A questo proposito è disponibile una dettagliata relazione redatta dal National Toxicology Program che ha seguito gli adolescenti monitorati, va detto che purtroppo più della meta di questi soggetti sono deceduti dopo alcuni anni dalla diagnosi dell’osteosarcoma.

Rischi per pazienti sofferenti ai reni, pazienti sofferenti di patologie che coinvolgono i reni hanno manifestato un’alta sensibilità alla tossicità del fluoro, questa sensibilità è dovuta all’incapacità di questi soggetti ad eliminare dal corpo il fluoro assunto. Come risultato si ha una elevata presenza di fluoro nelle ossa ed un aggravamento o insorgenza di un disturbo conosciuto col nome di osteodistrofia renale.

Nel 1944 il Journal of American Dental Association scrisse che la fluorazione causa OSTEOPOROSI, GOZZO e malattie alla spina dorsale.

Nel 1990 uno studio confermo’ la correlazione tra fratture ossee e fluoro. La Cornell University scopri invece danni ai reni.

Mentre uno studio del 1978 dell’Universita’ di Yale scopri che bastava 1ppm di FLUORURO per diminuire resistenza e elasticita’ delle ossa.

Nel 1987 NCI americana (Istituto dei Tumori) stabiliva relazione tra cancro (osteocarcinoma) e fluoro nell’acqua potabile!

Danneggia la ghiandola pineale: la maggiorparte del fluoruro che entra nel corpo non è facilmente eliminata, infatti tende ad accumularsi nelle ossa del corpo e nei denti.


Recentemente, è stato scoperto che si accumula ancor più nella ghiandola pineale, situata al centro del cervello. Possiamo considerare la ghiandola pineale (o epifisi) il “congegno” più sofisticato che si trova nel nostro corpo.


Si tratta di una ghiandola endocrina dalla forma simile ad una pigna ma poco più grande di un chicco di mais e la sua attività è prevalentemente notturna poiché influenzata dalla luce. Cartesio la definì la “sede dell’anima” nel XVII secolo e da allora gli studi proseguirono nella convinzione che fosse implicata negli equilibri della psiche. Situata al centro del nostro cervello, è collegata allo stesso da sofisticate reti neuronali ed è conosciuta soprattutto perché sovrintende e sostiene una moltitudine di funzioni vitali, tra le quali la regolazione del ritmo circadiano sonno-veglia e dell’orologio biologico (crescita, sviluppo, maturazione sessuale).


Il fluoruro si accumula nelle ossa e le rende piu’ fragili e soggette a fratturarsi perché danneggia gli enzimi, in particolare quelli delle ossa, che contengono il 99% del fluoruro del corpo. Con gli enzimi danneggiati dal fluoruro e incapaci di produrre il collagene necessario a mantenere le ossa forti e in buona salute, esse divengono fragili e deboli.

Il Dott. Durrant-Peatfield ci dice che il fluoro è un veleno che distrugge gli enzimi. Il suo accumulo nella tiroide è causa di squilibri ormonali. E’ associato a malattie autoimmuni oltre all’osteoporosi, l’osteosarcoma e perfino un’aumento del cancro alla tiroide.


“I promotori della fluorurizzazione hanno censurato la maggior parte dei media, hanno ignorato importanti discussioni in merito, hanno calunniato molti oppositori della fluorurizzazione, e capovolto giudizi legali contro la fluorizzazione in un modo che dimostra il loro potere politico. Si è poi scoperto che molti studi le cui conclusioni erano a favore della fluorurizzazione non erano supportati dai loro stessi dati.”



Fluorosi

Le industrie del farmaco e quelle produttrici di dentifrici hanno a lungo sottaciuto e sottovalutato gli effetti tossici dei prodotti a base di fluoro.


La fluorosi dentaria è in aumento soprattutto tra la popolazione che fa uso sistematico di integratori a base di fluoro.
Si presenta sotto forma di uno scolorimento intrinseco dello smalto dei denti: i denti appaiono screziati, macchiati, puntinati, decolorati e a volte anche bucherellati. Lo smalto saturato di fluoro è più vulnerabile all’attrito e all’erosione. I danni aumentano nel tempo.

Non esiste un dosaggio sicuro di fluoro. I danni da fluoro non si manifestano solo a livello dei denti, ma anche delle ossa e di altri tessuti umani. Il fluoro ha effetti negativi anche sul sistema nervoso centrale e determina alterazioni comportamentali e deficit cognitivi.

Studi scientifici dimostrerebbero che il fluoro può essere neurotossico anche per il feto a dosaggio considerati sicuri per la madre.

Per concludere citiamo infine Wikipedia stessa che citando fonti scientifiche afferma:

L’efficacia del fluoro dei dentifrici è messa in dubbio da alcuni chimici e studiosi di tutto il mondo, che si appellano soprattutto a un numero crescente di studi che evidenzierebbero la tossicità dei sali di fluoro, in grado di causare, con sovradosaggi minimi, delle fluorosi; rovinando le ossa ed i denti, e causando problemi al sistema nervoso e deficit cognitivi.

Fonte tratta dal sito .

0 Comments: