martedì 31 gennaio 2017

I Rotschild: 8 volte più ricchi degli 8 più ricchi

Per un  giorno, i media hanno parlato della ricerca di  Oxfam International   da  cui risulta che la ricchezza degli 8 principali miliardari supera quella della metà povera della popolazione mondiale, 3,6 miliardi.  Gli otto sono
Bill Gates   con  75 $  miliardi
Amancio Ortega – $ 67 mdi
Warren Buffett – 60,8 $ mdi
Carlos Slim Helu – 50 $ mdi
Jeff Bezos – 45,2 $ mdi
Mark Zuckerberg – 44,6 $ mdi
Larry Ellison – 43,6 $ mdi
Michael Bloomberg – 40 $ mdi
Addizionate insieme, le loro ricchezze valgono  426, 2 miliardi di dollari.
Questa disparità   estrema, ha concluso  Oxfam, “invoca un cambiamento fondamentale nel modo in cui gestiamo le nostre economie,  perché funzionino per tutti, non solo per alcuni”.
Nel novero dei primi otto non appare il nome Rotschild. Per varie ragioni:  qui non abbiamo a che fare con  persone fisiche, ma con una dinastia,  i  cui membri presiedono  a fiduciarie private a capitale fisso – niente società per azioni (scalabili),  ma   solo aziende familiari, accuratamente sottratte  ai mercati finanziari goym, e partecipazioni  incrociate.
Insomma  è ancora la struttura  instaurata dal capostipite  del 18mo secolo, Mayer Amschel Rotschild.  Basato in Germania,  l’avo   sparse i suoi cinque figli nelle diverse capitali  europee, ciascuno muniti di capitale e conoscenze per  aprirvi  una banca d’affari: Parigi e Francoforte, Londra, Vienna e Napoli (era  allora uno degli stati dalle finanze più  prospere).  E’  stata dunque  la prima multinazionale del credito,   che profittò delle guerre europee scatenate dalla  Rivoluzione  giacobina  e da Napoleone.  Prestando agli stati  che la guerra indebitava (tipicamente,  all’impero austro-ungarico,  a quello britannico), da cui accettava titoli e buoni del Tesoro, e cogliendo  tutte le buone occasioni per prendere il controllo finanziario delle più diverse industrie,  a  corto di liquidità.
Il figlio che ebbe maggior successo fu  quello che si stabilì a Londra  Nathan Meyer  Rotschild:  sposò  Hanna Barent Cohen da  cui ebbe 7 figli e   una cospicua dote finanziaria;  nel 1811, durante le guerre napoleoniche, finanziò  di fatto lo sforzo bellico britannico quasi da solo  – senza trascurare di finanziare in segreto anche il Bonaparte.   Il 18 luglio 1815  fu  un corriere della  Rothschil & Sons  che informò il governo britannico che a  Waterloo le cose si mettevano male per Napoleone; il governo non ci credette, e allora Nathan  stette al gioco:  si  mise a svendere titoli del debito inglese, come se sapesse che presto sarebbero stati carta straccia.   Gli altri ricchi inglesi, nel panico, lo imitarono; la Borsa collassò. Mani forti anonime  (agenti dei Rotschild) avevano già fatto  incetta di titoli a prezzi da liquidazione fallimentare;  quando arrivò la notizia che a Waterloo Napoleone  aveva perso, Nathan era il padrone della London Stock Exchange.  Ancora nel 2015  il Regno Unito sta restituendo a rate i capitali presi  a prestito dai Rotschild.
Oggi,  le ricchezze  della dinastia restano inimmaginabili; essa riesce in gran parte a dissimularle con il metodo delle  ditte   non quotate, dove non si pubblicano bilanci, dove lavorano e sono impiegati direttamente i membri della famiglia, matrimoni fra consanguinei,  eredi che continuano a collaborare strettamente; da due scoli, non è mai apparso alla luce un litigio fra i parenti, che abbia prodotto un  frazionamento di ricchezze, capitali e imprese.  Non  a caso il motto della famiglia, sotto lo scudo rosso, è (in latino) “Concordia, Integritas, Industria”.
Oltre alle finanziarie N.M. Rotschild &  Son di Londra e la Edmond de Rotschild Group  in Svizzera,  la dinastia ha incalcolabili partecipazioni in istituti di credito,  nel settore immobiliare,  minerario ed energetico.  I vigneti che l’uno o l’altro membro hanno in Francia, in Sudafrica, in California, Sudafrica ed Australia, sono   attività da tempo libero.    Le partecipazioni che contano, in “investimenti globali”, non sono affatto visibili. E’ dubbio se i Rotschild siano oggi quello che fu la ditta di Nathan, che divenne praticamente il banchiere centrale   d’Europa,   coprendo debiti pubblici,  salvando banche nazionali,  finanziando infrastrutture  pubbliche durante la rivoluzione industriale.
Sicché non si può valutare se dice il vero il sito Investopedia, che   ha provato a fare una valutazione approssimativa  e decreta (senza specificare i cespiti e le attività)  che la ricchezza  che  la dinastia controlla oggi ammonta a 2  trilioni di dollari:  2 mila miliardi.  Se fosse vero, vuol dire che i Rotschild  sono otto volte più  ricchi degli otto più ricchi miliardari.

I milionari annusano il collasso, e scappano

(dalla società che hanno creato)
Non certo i Rotschild, ma i “mezzi milionari”, i gestori di hedge funds,   i fondatori di startups di successo,  i ricchi in  milioni (ma non miliardi), stanno comprando bunker di lusso  in  rifugi   anti-atomici  riciclati in condomini costosissimi, assoldando squadre di guardie armate,   investendo in campi d’aviazione  in Nuova Zelanda: almeno secondo un articolo del New Yorker  che sta facendo   rumore  fra quelli che contano.  Perché i nuovi ricchi   temono una rivolta sociale:  “Le  tensioni prodotte dall’acuta disparità di reddito  stanno diventando così’ forti, che alcuni dei più  agiati dl mondo stanno prendendo misure per proteggersi”-
In vendita in Nuova Zelanda: pista d’atterraggio.
.
Una volta, i “preppers”, quelli che si preparano a lottare e sopravvivere in un collasso sociale totale accumulando proiettili e scatolame  in qualche deserto americano, erano la “frangia lunatica”  fatta  per lo più da reduci di guerra tornati disturbati dall’Irak, o complottasti paranoici; gente senza tanti mezzi comunque.  Adesso sono le menti  rillanti di SIlicon Valley  a prepararsi  all’Armageddon, sia quello naturale (terremoto della faglia di Sant?Andrea)  sia il collasso sociale e politico della società.
Antonio García Martínez,   40 anni, ha   ammesso di aver acquistato “due ettari di bosco in un’isola del Nord  Pacifico e d’averla attrezzata con generatori, pannelli solari, casse di munizioni”. Il fondatore di PayPal , Peter Thiel, ha non solo comprati terreni in Nuova Zelanda, ma fondato là una ditta  che aiuta i suoi pari (pari-reddito) a cercare là ridenti rifugi. Nei fatti,   nei primi 10 mesi  del 2016, mani straniere  hanno acquistato 3500 chilometri quadrati in  Nuova Zelanda. Il posto così lontano è oggetto  dei loro appetiti, anche  perché  ritenuto sicuro   se scoppia una epidemia globale…
Reid Hoffman, creatore di LinkedIn, ha raccontato al giornalista dell New Yorker: “Dire che  hai comprato una casa in Nuova Zelanda è  come un ammicco  fra noi.  Si fa’ la stretta di   mano massonica e ci si scambiano notizie del tipo: niamo, “Sai, conosco un mediatore che vende vecchi silos per missili ICBM,  a prova di atomica…”.  O si discute su temi come: “Bisogna comprarsi un aereo privato. Bisogna  prendersi cura anche della famiglia del  pilota. Devono essere sull’aereo”.
E’   istruttivo vedere  come abbiano  paura della società  che  loro stessi hanno creato,  e  ne vogliano fuggire. Come pensano di salvare se stessi per via individuale, accumulando munizioni   generatori solari,   trincerandosi coi propri pari in condomini fortificato:   uno spasimo terminale di individualismo americano    e di spirito del West,  con i carri in circolo contro gli  indiani.
“Se avessimo avuto una più equa distribuzione del reddito, messo più fondi e energia nelle scuole pubbliche, nei parchi, nelle artio  e nella sanità pubblica,   avremmo tolto molta della rabbia che si sente nella società.  Le  abbiamo tutte smantellate, queste cose”, ammette Rob Johnson , che ha fondato un Institute  for  New Economic Thinking (istituto per  un nuovo pensiero economico),  dove  cerca di  riproporre  le strane idee  della società come un sistema di corresponsabilità  a questi  ricchi spaventati.  Ma lamenta la mancanza di “spirito di responsabilità  verso il  prossimo”  e l’apertura  alla possibilità, fra   i ricchi, di una più decisiva politica fiscale di redistribuzione.
Fonte tratta dal sito .

lunedì 30 gennaio 2017

OCCHIONERO, CUOR NON DUOLE... cit.



I Fratelli OCCHIONERO, nome omen, sono venuti alla ribalta per un caso nostrano di cyberspionaggio nazionale, ma di portata internazionale, che coinvolge diversi mondi, ambienti e personaggi.
Ritengo che siano stati sacrificati due pesci piccoli, forse due arrivisti di piccolo cabotaggio, per diversi motivi.
Innanzitutto, è curioso come i TG abbiano sottolineato la loro appartenenza massonica, portando strumentali suggestioni ai telespettatori, indicandoli come mele marce, come un'eccezione ed una deviazione di una struttura che, invece, parrebbe sana ed aliena a queste dinamiche operative.
Ricordiamo come Cossiga, al tempo, si vantasse di essere spiato e come ciò da sempre, ed a maggiore ragione oggi, questo sistema faccia parte di una prassi che non appartiene più alle fantasie letterarie dell'alveo complottista, ma precisamente alla realtà dei fatti.
Con la tecnologia attuale, quello che un tempo era più complesso ed artigianale, oggi viene scavalcato e superato da tecniche sofisticate di hackeraggio che credevamo erroneamente appartenere ai film di genere o di fantascienza. Oggi con un semplice malware possiamo spiare le mail di chiunque, monitorare l'andamento ed il corso degli eventi economici e politici, ricattare personaggi più o meno illustri, archiviare una mole di dati impressionante per conto di alti committenti, gli stessi che, di volta in volta, potranno liberarsi dei loro mercenari digitali diventati troppo scomodi, ingombranti, magari venuti a conoscenza di dati sensibili nel corso del loro lavoro.
Ritengo che i Fratelli OCCHIONERO non servissero più, erano serviti a spiare Monti, Draghi, Renzi e tanti altri, ma oggi, in vista di una nuova ristrutturazione, siano il logico capro espiatorio per fare pulizia e far credere che tutto cambi mentre tutto resta tale, anzi, il sistema si aggiorna e si raffina ulteriormente. Succede come quando i corrieri della droga sputtanano livelli più bassi sacrificabili per agire indisturbati e continuare più e meglio di prima a svolgere le stesse operazioni.


E' probabile avessero pisciato fuori dal vaso, probabile abbiano fatto passi sbagliati e, come dicevo precedentemente, fossero venuti a conoscenza di cose che contemplano la fine dei propri scopritori.
E' il solito gioco della matrioska, dove i livelli più bassi rappresentano la manovalanza per fini e giochi più grandi di loro.
Al netto della spystory, hanno pagato solo gli OCCHIONERO, ma non chi li utilizzava sapientemente. I piani alti li hanno già sostituiti con altri nuovi "operai" del cyberspionaggio.
Dalle carte della magistratura emerge che esiste un'entità nazionale ben ramificata su tutto il territorio. Il trojan “Eye Pyramid”, aggiornamento di altri malware informatici, pare sia attivo fin dal 2008. 
La licenza del virus appartiene ad una società statunitense “Westland securities The Art and Science of investment banking”, ed è stata aggiornata negli anni fino ad oggi.
Ci sono di mezzo i russi, il vaticano, Malta, lo Ior, il Monte dei Paschi di Siena, emeriti professoroni della Cattolica, poteri trasversali e l'Occhio della Piramide non guarda in faccia a nessuno, nemmeno a chi li utilizza per spiare, perché anch'esso a sua volta è osservato in un loop senza fine.
OCCHIONERO, CUOR NON DUOLE... cit.






Molto interessante il punto di vista di Gioele Magaldi, Gran Maestro del GOD, che ha rilasciato un'intervista ad AFFARI ITALIANI quotidiano online sui retroscena del backoffice del potere massonico, dietro a questa vicenda. Riporto alcuni stralci dell'intervista.
Gioele Magaldi, chi sono davvero gli Occhionero? Quali sono i loro contatti?
Giulio e Francesca Romana Occhionero hanno agito in piena sintonia e reciproca consapevolezza di quello che ciascuno faceva. E sono stati coperti e protetti, per anni, accumulando molti dati sensibili a favore di chi li proteggeva e ispirava. 
Lo ripeto: i fratelli Occhionero hanno accumulato, per conto terzi, una mole infinitamente più grande di dati rispetto a quella sinora scoperta dagli investigatori. Giulio Occhionero ambiva a far parte di una specifica Ur-Lodge (superloggia) sovranazionale, operante principalmente tra Usa, Regno Unito, Malta e il Medio Oriente. Al fratello Occhionero stava stretta l’appartenenza ad una loggia, la“Paolo Ungari-Nicola Ricciotti Pensiero e Azione” all’Oriente di Roma, che fa parte di una Obbedienza ordinaria e nazionale come il Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani, cioè di una di quelle entità massoniche ormai in stato di declino e di relativa marginalità rispetto a quei circuiti delle superlogge che ho iniziato a descrivere nel libro “Massoni. Società a responsabilità illimitata. La scoperta delle Ur-Lodges”, Chiarelettere, Milano 2014, e che continuerò a illustrare nel secondo volume della serie di “Massoni”, di prossima pubblicazione, intitolato “Globalizzazione e Massoneria”.
Possono davvero aver fatto tutto da soli?
Come dicevo prima, Giulio Occhionero, ma anche la sorella Francesca Romana, coltivavano l’ambizione di essere ammessi a una specifica superloggia sovranazionale. 
Si tratta della “White Eagle”. Hanno agito su commissione di personaggi collegati come affiliati o come ‘compagni di strada/aspiranti affiliati’ di questa Ur-Lodge.
Qual è il ruolo della massoneria in questa vicenda?
La massoneria sempre meno rilevante del Grande Oriente d’Italia di Palazzo Giustiniani c’entra poco, con questa intrigata vicenda. Poco, ma in qualche modo c’entra. 
Lo ‘spionaggio’ ai danni di alcuni Dignitari del GOI era soprattutto un’esigenza personalistica di Giulio Occhionero, qualcosa di irrilevante per i suoi mandanti in ‘super-grembiulino’. 
Invece, la sorveglianza del Gran Maestro Stefano Bisi va ricondotta allo spionaggio sul fratello Mario Draghi (mi dicono avvenuta anche su altre utenze rispetto a quelle sin qui individuate dagli investigatori), di cui Bisi è in qualche modo un servizievole esecutore per questioni massoniche di natura locale. Ciò, sin dai tempi del ‘groviglio armonioso’ legato al Monte dei Paschi di Siena, allorché Draghi, come Governatore di Bankitalia, non vigilò adeguatamente su alcune condotte del management della banca senese e Bisi, come massone e giornalista (caporedattore e poi vicedirettore del Corriere di Siena) influente a Siena, aveva le mani in pasta in diverse questioni MPS, ispirando la sua azione di concerto con il fratello Draghi e con la sorella libera muratrice Anna Maria Tarantola, capo della Vigilanza di Bankitalia, la quale, in virtù della sua clamorosa ‘mancata vigilanza’ sulle questioni più scabrose in capo a MPS, fu premiata dal massone Mario Monti con la nomina a Presidente RAI nel 2012. La massoneria che invece c’entra molto, con tutto questo affaire del cyber spionaggio imputato ai fratelli Occhionero, è quella della Ur-Lodge sovranazionale neoaristocratica “White Eagle”.
Chi potrebbe essere il committente del cyberspionaggio?
Se dal nome della superloggia sovranazionale coinvolta andiamo nel particolare dei personaggi che hanno fatto da tramite con Giulio e Francesca Romana Occhionero, la questione si fa clamorosa. Uno dei personaggi che consiglio agli inquirenti di ascoltare con attenzione su questa vicenda è il massone conservatore e reazionario Micheal Leeden, appunto affiliato di peso alla “White Eagle”. 
Un altro personaggio che varrebbe la pena sentire come ‘persona informata dei fatti’ è Marco Carrai, wannabe supermassone (con specifica propensione proprio verso la “White Eagle”) come il suo caro amico Matteo Renzi.
Quale potrebbe essere l'obiettivo di questa attività di spionaggio?

Qualcuno, per anni, ha raccolto e utilizzato le informazioni sensibili che i fratelli Occhionero gli hanno passato, coprendone e proteggendone in vario modo le attività. 
Cari e fraterni amici in capo a importanti strutture di intelligence militare e civile di area euro-atlantica mi dicono che, da qualche tempo, Giulio e Francesca Romana Occhionero erano diventati ‘sacrificabili’ per ottenere, cinicamente, attraverso uno scandalo fatto scoppiare ad arte sulla loro vicenda, una ristrutturazione della cybersecurity italiana a livello nazionale. 
Una ristrutturazione che, sin qui, non si era potuta realizzare e che avrebbe potuto portare al suo vertice una persona gradita a Matteo Renzi, ma sgradita a diversi ambienti massonico-progressisti dell’Intelligence italiana e statunitense, con cui quella italiana tradizionalmente collabora in modo privilegiato. Ciascuno faccia le sue debite deduzioni e, per parte mia, mi riservo di approfondire (c’è molto da dire anche sulla simbologia massonica del nome “Eye Pyramid”) in altre sedi e occasioni le informazioni che acquisirò nel corso del tempo su tutta questa clamorosa vicenda. 
Fonte tratta dal sito .



domenica 29 gennaio 2017

Ecco a voi l’idrogeno metallico

Rappresentazione di un’incudine di diamante che comprime idrogeno molecolare fino a convertirlo in idrogeno atomico. Crediti: R. Dias e I.F. Silvera
Teorizzato quasi un secolo fa e inseguito per decenni nei laboratori, secondo uno studio pubblicato su Science l’idrogeno metallico è stato ora ottenuto dall’Università di Harvard. Essendo superconduttore a temperatura ambiente, se il materiale si rivelerà stabile le applicazioni pratiche saranno moltissime, compreso il volo spaziale. Isaac Silvera e Ranga Dias, ricercatori del Lyman Laboratory of Physics alla Harvard University di Cambridge, negli USA, attraverso una speciale morsa con punte di diamante sono riusciti a creare idrogeno metallico, quello che viene considerato come il “sacro Graal” della fisica delle altissime pressioni, essendo stato teorizzato quasi un secolo fa ma finora mai dimostrato in maniera inequivocabile, anche se studi recenti (come questo dell’Università di Edimburgo) ci erano andati molto vicino.
Oltre a consentire agli scienziati di rispondere a quesiti fondamentali sulla natura stessa della materia, si ritiene che questo materiale possa avere un’ampia gamma di applicazioni pratiche, compresa la realizzazione di superconduttori a temperatura ambiente. Il procedimento con cui Silvera e Dias hanno ottenuto questo materiale – certamente il più raro sulla faccia della Terra e, potenzialmente, uno dei più preziosi – è descritto sull’ultimo numero della rivista Science.
Per crearlo in laboratorio, i due ricercatori hanno torchiato all’inverosimile un minuscolo campione di idrogeno, imprimendogli una pressione di 495 gigaPascal, un livello che non si sperimenta nemmeno al centro della Terra. A tali pressioni estreme l’idrogeno molecolare solido – che consiste di molecole disposte nel reticolo tipico dei solidi – si rompe, e le molecole si dissociano per trasformarsi in idrogeno atomico, che è un metallo.
«Una previsione molto importante è che l’idrogeno metallico sia meta-stabile», dice Silvera. «Ciò significa che rimarrà metallico anche quando si smette di esercitare la pressione, come i diamanti sintetici prodotti sottoponendo la grafite ad alte temperature e pressioni». Se il materiale rimane stabile, si potrà quindi verificare se effettivamente l’idrogeno metallico agisca come un superconduttore a temperatura ambiente. «Che sarebbe rivoluzionario», aggiunge Silvera, «visto che, con un conduttore tradizionale, il 15 per cento dell’energia elettrica viene persa dalla dissipazione durante la trasmissione».

Fotografie della transizione dell’idrogeno compresso, all’aumentare della pressione, da trasparente a nero molecolare a atomico molecolare. Crediti: R. Dias e I.F. Silvera
Non solo risparmio energetico, ma una pletora di applicazioni pratiche trarrebbe beneficio da un siffatto materiale, ad esempio rendendo possibili sistemi di trasporto a levitazione magnetica, aumentando l’efficienza delle vetture elettriche e migliorando, in generale, le prestazioni di molti dispositivi elettronici e dei sistemi di produzione e immagazzinamento dell’energia.

L’idrogeno metallico è poi, in sé, un’incredibile riserva di energia, proporzionale all’enorme quantità di energia necessaria a crearlo.

Questo lo renderebbe perfetto come propellente per razzi spaziali, molto più potente degli attuali, rendendo l’esplorazione spaziale più abbordabile di quanto lo sia ora.

Ranga Dias della Harvard University, il primo uomo a vedere l’idrogeno metallico, se lo studio su Science verrà confermato. Crediti: Harvard University
Per creare il nuovo materiale, Silvera e Dias hanno utilizzato un dispositivo noto come cella a incudine di diamante, dove sono utilizzati diamanti sintetici, accuratamente lucidati mediante un processo di corrosione reattiva mediante ioni e poi ricoperti da un sottilissimo strato di ossido d’alluminio per impedire che l’idrogeno penetri nella loro struttura cristallina.
Dopo più di quarant’anni di esperimenti sull’idrogeno metallico, e molti più decenni dalla sua teorizzazione, vedere il materiale per la prima volta, è stata un’enorme emozione per i ricercatori. «Quando Ranga, che conduceva l’esperimento in laboratorio, mi ha chiamato dicendomi “Il campione risplende”, sono immediatamente corso di sotto, ed era effettivamente idrogeno metallico», ricorda Silvera. «È un risultato straordinario, e ,anche se al momento esiste solo all’interno di questa cella a incudine di diamante ad alta pressione, è una scoperta fondamentale e molto innovativa».
Articolo: “Observation of the Wigner-Huntington transition to metallic hydrogen“, di Ranga P. Dias e Isaac F. Silvera
Fonte tratta dal sito .

sabato 28 gennaio 2017

Scienziati sviluppano un nuovo dispositivo per creare “Ologramma” di qualità mai realizzato prima

Ricercatori dell’Università Nazionale Australiana, sono stati in grado di sviluppare un dispositivo “ologramma” che crea immagini di altissima qualità fino ad oggi mai realizzate.
Secondo lo studio, il dispositivo compatto è costituito da milioni di pilastri di silicio molto piccoli, che sono fino a 500 volte più sottili di capelli umani.
Gli Ologrammi sono un fiore all’occhiello di quasi tutti i film di fantascienza come ad esempio Star Wars o   Star Trek . Ora, grazie ai ricercatori della Australian National University (ANU), ci può essere un passo in avanti verso il raggiungimento di questa tecnologia che consente di creare ologrammi, di inviarli anche come quelli di Obi Wan Kenobi in Star Wars.
Il team di ANU è stato in grado di sviluppare un dispositivo ologramma che crea le immagini di altissima qualità. “Da bambino, ho imparato a conoscere il concetto di immagine olografica dai film di Star Wars. E ‘davvero bello essere al lavoro su una invenzione che utilizza i principi di olografia raffigurati in quei film “, ha detto il ricercatore Lei Want, dalla Scuola di Ricerca di ANU di Fisica e Ingegneria. Il team ha pubblicato la loro ricerca sul giornale scientifico Journal Optica.
Il dispositivo di Wang è in grado di creare immagini olografiche di alta qualità a infrarossi, l’utilizzo di “metaholograms” trasparenti basati sulla metasurfaces di silicio, permettono di creare immagini ad alta risoluzione in scala di grigi da codificare. Il dispositivo è anche abbastanza piccolo ed è composto da milioni di pilastri di silicio altrettanto piccoli, che sono fino a 500 volte più sottili di un capello umano.
“Questo nuovo materiale è trasparente, il che significa che perde energia minima dalla luce, e lo fa anche durante le manipolazioni complesse con la luce”, ha detto il co-ricercatore Sergey Kruk. “La nostra capacità di strutturare i materiali su scala nanometrica,  consente al dispositivo di raggiungere nuove proprietà ottiche che vanno oltre le proprietà dei materiali naturali. Gli ologrammi che abbiamo creato, dimostrano il forte potenziale di questa tecnologia da utilizzare in una gamma di applicazioni”.
DEFINIZIONE IMMAGINI OLOGRAFICHE
Le applicazioni nella vita reale di un tale dispositivo ologrammanon sono troppo lontano dalle controparti sci-fi. “Mentre la ricerca in olografia svolge un ruolo importante nello sviluppo di schermi futuristici e dispositivi di realtà aumentata, oggi stiamo lavorando su molte altre applicazioni come i dispositivi ottici ultra-sottili e leggeri per le telecamere e satelliti”, ha detto Wang.
Inoltre, a causa delle sue dimensioni, questo dispositivo è molto comodo da trasportare dove si vuole, quindi è portatile. Ciò riduce significativamente la dimensione ed il peso dei componenti che di solito erano una volta ingombranti,  utilizzati in altri dispositivi di imaging. Aa esempio, questo nuovo apparato tecnologico, può ridurre il costo per le missioni spaziali, in cui prodotti pesanti si traducono in un maggior consumo di carburante del razzo. Oltre a questo, gli ologrammi possono anche essere usati per aiutare la ricerca medica e sviluppare terapie per varie malattie.
L’olografia non è molto diversa dalla tecnologia basata sulla realtà virtuale (AR / VR). Essenzialmente, questa tecnologia ci permette di vedere e interagire con l’ambiente in un modo molto più profondo, per così dire. Questa tecnologia può anche farci vedere qualcosa come se fossimo veramente lì, in quel momento, con empatia aggiunta. Presto, potremmo essere in grado di inviare messaggi olografici che catturano l’emozione o interagire molto meglio durante una telefonata, dove il nostro interlocutore sarà visibile in in 3 D e poi successivamente in 7D.
Fonte tratta dal sito .

giovedì 26 gennaio 2017

L'attentato alle torri gemelle è tutto FALSO! Bin Laden era innocente, ECCO LE PROVE

mercoledì 25 gennaio 2017

David Icke: Internet e la Mente Umana Collettiva, creata tecnologicamente

Internet è stato permesso per creare una mente umana collettiva, a cui tutte le menti, via terminali pc, sono collegate; per generare tecnologicamente una SUBREALTA’…
In questi giorni (dicembre 2016) di pesanti attacchi per censurare “la rete”, queste riflessioni di Icke su Internet, di un paio di anni fa, risultano oltremodo interessanti. Ripubblico percio’ quanto avevo già pubblicato nel 2014, traducendolo dalla newsletter settimanale (davidicke.com) del 3 maggio, che in quella data si era già trasformata in video, non testo piu’ via email, ovvero una conversazione di 45 minuti, trasmessa semplicemente dal suo studio di casa, dall’ Isola di Wight (UK) su cui vive.
—————————
Internet ci è stato “venduto” come una rivoluzione nello scambio di comunicazioni e informazioni. Una volta implementato, pero’,  possiamo vedere che le cose non stanno proprio cosi o del tutto cosi. Infatti vediamo che è un “sogno” per quelli che ci sorvegliano, un sogno creato da quelli che ci controllano.
Io dico che la vera ragione per cui internet è stato proposto e reso accessibile  è per creare una mente umana collettiva, generata tecnologicamente… a cui tutte le menti, via terminali pc, sono collegate. Quando vi concentrate molto su qualcosa, fate una comunicazione energetica con quel “qualcosa”, c’è un campo di comunicazione che si crea da quel punto di attenzione.
Tanto piu’ le persone sono dipendenti per esempio dal cellulare o da internet, tanto piu’ fanno una comunicazione con internet, anche se non ne sono  consapevoli. Cosi ogni volta che si va in internet, c’è uno scambio energetico e non solo di informazione. L’idea quindi è di avere internet per generare tecnologicamente una SUBREALTA’, al livello dell’atmosfera in cui viviamo ed interagiamo.
Intorno a noi NON c’è il vuoto, ma un mare di energia e di elettromagnetismo. Non è una coincidenza il fatto che, negli ultimi 50 anni e nella nostra atmosfera,  abbiano aumentato  di milioni di volte il livello di radiazione, generato tecnologicamente.Stanno facendo un esperimento con l’ esistenza umana, il cui risultato è ignoto. E’ un esperimento con la vita umana.
Ma per coloro che sono profondamente nell’ombra [entità diverse dalla natura umana secondo tutta la ricerca e la documentazione di Icke, ndt] e per i quali tutto questo è stato generato, non è un esperimento: sanno quello che stanno facendo e sanno che il risultato è quello che è stato progettato.
E in questo incredibile aumento di radiazioni, in questa zuppa in cui siamo immersi, vogliono un network tecnologico che chiamano “la rete intelligente” , la “smart grid”. Tutta la tecnologia che ha il nome preceduto da SMART, è pensata per essere connessa a questa rete “smart” e possibilmente ad una “smart grid globale”. Cosi avrete telefoni smart, tv smart, contatori smart, che sono stati progettati per essere in ogni casa e azienda: funzionano generando un campo di radiazioni attraverso il quale viene comunicata la informazione da casa, cosi possono sapere quante persone sono nella  vostra casa e in quali stanze sono. E’ uno strumento di sorveglianza incredibile.
Cio’ che cosi spesso viene taciuto, è che tale sistema è a doppio senso:  essi possono avere informazioni dal vostro ufficio o casa (verso i loro punti  centrali per analizzare le info), ma, con gli stessi mezzi, possono anche mandare delle informazioni  di ritorno. Quindi avere wifi, piu’ un apparecchio SMART, significa essere molto irradiati.
Se questi campi wi-fi possono trasmettere informazioni all’interno del range di frequenza dell’attività del cervello umano, allora possono anche inserire pensieri e credi nelle nostre teste.
Il cervello del resto funziona in modo elettrico. Quindi ecco anche il perché stanno mettendo microchip nelle persone: perché possano essere delle interfacce computerizzate con il cervello. Questo è il tema del film TRANSCENDENCE
Il modo piu’ potente per fare programmazione mentale, è inserire le informazioni nel subconscio, perché la mente conscia le filtrerà come percezioni  della persona stessa. Quando percio’ vedete tutti questi film, uno dopo l’altro, che promuovono la società orwelliana in corso, certamente si sta dipingendo la viziosità violenta dello stato di polizia, ma si sta anche rappresentando una forza esterna, che sta cercando di prendere il sopravvento sulla vita umana e il pianeta.
Film come HUNGER GAMES, TRASCENDENCE, EQUILIBRIUM, dipingono tutti questo tipo di società, anche se ci sono livelli piu’ profondi, vero, ma ad un certo livello stanno  anche rendendo queste cose, questo tipo di società, famigliari a chi le guarda, ovvero alle persone. E’ una sorta di preparazione per il programma previsto, che quindi sarà molto piu’ probabilmente accettato, che messo in discussione o respinto.
In questa ultima settimana sto avendo una serie intensa di flash e intuizioni, che sto usando per il prossimo evento che sto preparando per Wembley, nel’ottobre 2014  e che chiamerò  “Awakening” (RISVEGLIO).
La gente parla e discute e si chiede, alla luce della cospirazione  di cui sempre più persone stanno diventando consapevoli: “ Quindi che facciamo?” beh… l’umanità è finita in questa situazione perché è stata portata in un sonno profondo che si è tradotto in COMA. Spesso la manipolazione e programmazione sono stati cosi radicali, che coloro che ne sono stati sottoposti, le stanno sostenendo essi stessi mentre stanno condannando coloro che la mettono in discussione e la osteggiano.
Se il punto di base è il COMA in cui l’umanità è stata indotta con la manipolazione, allora non c’è soluzione, se non quella che le persone devono uscire dal coma. Non si tratta quindi un clichè spirituale, ma del fatto che  dobbiamo risvegliarci. Quando la gente dice e chiede: “che possiamo fare?” , la risposta è “dobbiamo risvegliarci al nostre Sé Superiore” e non saprete che significa fintanto che non sarete risvegliati a quel livello del Sé, che è osservare questo mondo  da un punto di maggiore comprensione di ciò che sta accadendo, anziché esservi chiusi dentro attraverso una percezione  inchiodata ai 5 sensi, i livelli inferiori della percezione.
Senza l’apertura della mente ad una maggiore coscienza, le persone restano parte del problema. La consapevolezza che “essi” stiano facendo come viene suggerito nel film TRASCENDENCE, ossia che le persone vengano indotte in un coma perché cosi accettano tutto questo schifo. Diventare consapevoli di questo è la soluzione del problema  e da questo tutto giunge; partendo da questa consapevolezza, non puoi venirne colpito.
Questo sistema deve avere dei terminali  computer, esseri senza consapevolezza e pensiero, per perpetuare il suo progetto. Non esserlo è interrompere il loro programma.  Quindi stiamo raggiungendo il punto in cui la biforcazione diventa estremamente evidente.  Andare da una parte ci farebbe in poco tempo dei semplici contenitori, schiavi di un incubo generato tecnologicamente, oppure.. prendiamo un’altra strada e cerchiamo di diventare quel che le macchine non potranno mai diventare, ovvero consci al livello della Consapevolezza Infinita.
L’illusione che è stata gettata su di noi è questa: siamo stati indotti a credere che l’umanità sia in evoluzione e che stia diventando più’ consapevole e più’ intelligente, grazie a tutta questa tecnologia. Vogliono spostarci molto velocemente… ecco perchè avete la illusione del progresso, del progresso umano attraverso questa tecnologia, ma tutto ciò non lo è affatto.  Anzi è l’opposto. Ci fa tornare indietro e lo fa perché sta intervenendo tra l’essere umano, i suoi 5 sensi e la Coscienza Infinita.
Sta cercando di disconnettere i due (umano-5sensi / Coscienza-Infinita) da una comunicazione tra loro. Per esempio, potete prendere un cellulare per strada e chiamare qualcuno altro dall’altra parte del mondo e questo sembra meraviglioso. Ma in realtà nei nostri sensi non soppressi , possiamo comunicare in modo telepatico con l’altra parte dell’universo . Ci hanno tenuto in questa bambagia per portarci a credere che tutto ciò che è avanzato è progresso, mentre se paragonato ad un sé naturale e vero, che è vera consapevolezza, non c’è nessuna tecnologia che possa avvicinarsi di una sola frazione, al suo potenziale.
Il progresso tecnologico ci porta indietro nello stato di NON COSCIENZA. Ma c’è un cambiamento in corso: ce la faremo!
Fonte tratta dal sito .

martedì 24 gennaio 2017

Papa Francesco Compara Trump a Hitler , FBI l'Arresto delle spie Massoniche scuote il centro decisionale d'Italia


Il report del Consiglio di Sicurezza ( SC ) ha rivelato che Papa Francesco era sceso in guerra contro la propria Chiesa Cattolica Romana , l'Ordine di Malta (i Cavalieri di Malta) con  un'ordinanza di espulsione di tutti i massoni per il loro sostegno al leader Massone il Presidente Donald Trump , in un altra  relazione si rivela qualcosa di incredibile, ovvero, che non solo il Pontefice " non va per il sottile "comparando il nuovo leader dell'America ad Adolph Hitler , mentre l'Ufficio Federale di Investigazione ( FBI ), risulta essere complice nell'arresto di una spia, un massone di alto rango, che ha scosso il centro politico- ecomnomico in Italia.

Inoltre la relazione di ieri, ... ha rivelato che il corso dello scisma nella Chiesa cattolica romana ha ormai raggiunto " il pieno status di guerra civile ", con l' Ordine di Malta (Cavalieri di Malta) Leader negli Stati Uniti , il cardinale Timothy Dolan , ha scandalosamente presieduto l'inaugurazione della cerimonia di preghiera ( la più elaborata nella storia americana ) del leader massone il Presidente Donald Trump e leggendo le Scritture Santissime ai massoni, il libro intitolato La Sapienza di Salomone-Subito dopo, Papa Francesco ha ordinato l'espulsione di tutti i massoni dalla Chiesa .
[ Nota: L'espulsione legale, dalla Chiesa cattolica romana, termine da non confondere con la scomunica, che è l'esclusione dalla comunione. ]




Da notare, nella relazione di ieri era, che dopo che Papa Francesco ha pubblicamente dichiarato lo scorso anno che Trump non era cristiano , al fine di influenzare le elezioni americane a sostegno di Hillary Clinton, il Consiglio di Sicurezza, il 28 febbraio 2016 , ha replicato rivelando che a New York City il miliardario Donald Trump era a capo delle forze massoniche che riprendono il controllo dell'America, un evento storico destinato a coincidere con il 300 ° anniversario delle loro principali fondatori delle Logge di Londra del 24 giugno 1717 , ( i cui membri hanno in realtà creato gli Stati Uniti) e il 16 Gennaio 1120 la fondazione dei monaci guerrieri l'ordine dei Cavalieri Templari -e il cui moderno capo della guerra ( ma odiato all'interno delle forze armate degli Stati Uniti ) è il nuovo Segretario della Difesa del Presidente Trump, il Generale James " Warrior Monk " Mattis .



Di recente è stato rivelato, nella relazione del Consiglio di Sicurezza,  l'affermazione che l'FBI ha raggiunto un accordo con l'intelligence esterna dell'Italia, il Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica  ( AISE ),  lo scambio, di una spia d'alto livello massone, con una agente sotto copertura della Central Intelligence Agency condannata-in-absentia ( CIA ) a 6 crudeli anni, di prigione italiana, per un crimine che non ha commesso .

Secondo questo rapporto, l'agente sotto copertura della CIA che deve affrontare questo periodo di detenzione in Italia è Sabrina De Sousa , che è stata abbandonata e sconfessata da Hillary Clinton , e gli Stati Uniti gli hanno vietato di testimoniare  all'udienza per l'estradizione dal Portogallo , e la cui unica speranza di libertà ora è nelle mani del Presidente Trump, a cui ha fatto appello.



L'FBI sta scambiando l'agente della CIA De Sousa con l'AISE, dice il rapporto, e la spia d'alto rango massone Giulio Occhionero e la sorella Francesca Maria Occhionero, che questi agenti segreti americani sostengono sono i ladri informatici che hanno registrato i dati rubati dal computer situato a Prior Lake, Minnesota, e Salt Lake City, Utah .


Francesca Maria Occhionero (a sinistra) e, massone e spia, il fratello Giulio Occhionero (a destra)

Ora conosciuti dalla stampa italiana come i " fratelli invisibili ", questi i dettagli del report, il massone e spia Giulio Occhionero è un fisico nucleare, la sorella Francesca sua complice, sono stati entrambi incaricati dal leader massone Trump di infiltrarsi nella corrispondenza delle comunicazioni e le attività di riciclaggio di denaro tra Hillary Clinton, il Vaticano e il Papa Francisco ed  è stato realizzato attraverso la  Società Shell di Londra e  Westland Securities Ltd che poi, a sua volta, ha incanalato le  informazioni dei dati alla internazionale Service Company di Malta , dopo di che tutto è stato inviato ad una entità nel Delaware (Stati Uniti ) in cui si è concluso il percorso di spionaggio elettronico . ( Ma l'FBI sostiene sia avvenuto in modo diverso) 



Voglio saperne di più? Clicca QUI

In piedi a sostegno del fratello massone Giulio Occhionero, continua il rapporto, vi è il Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia ( GOI ) il Massone della Loggia, Stefano Bisi , che anche sotto la minaccia del FBI e dell'AISE, si è rifiutato di rivelare i nomi degli oltre 300 membri massoni segreti -e che conosce questo tipo di guerra internazionale clandestina meglio, forse, di tutti gli altri, come ha dettagliato nel suo libro Mitra e compasso: Storia del rapporto tra la Massoneria e la Chiesa da Papa Clemente XII a Benedetto XVI .


Gran Maestro massone Stefano Bisi

Con il popolo americano volutamente ingannato a credere che l'FBI stava indagando le connessioni del Presidente Trump con la Russia , rileva la relazione, il nuovo leader massone americano non mostra alcun segno di fare marcia indietro contro nessuno dei suoi satanici nemici e, come evidenziato ieri dopo stordimento dell'invocazione del cardinale Dolan dei Cavalieri templari e dell'icona spirituale massone di Solomone sucui haprestato il giuramento il giorno precedente, Trump lo ha fatto di nuovo con Rabbi Fred Raskin , presso il Servizio di preghiera nazionale, ha letto un brano in ebraico dal libro del Vecchio Testamento dei re, in cui il re Salomone, appena cominciato il suo regno, chiede a Dio la sapienza - " una mente comprensiva per giudicare il tuo popolo, e per distinguere il bene dal male . 

E anche se i tanti nemici del presidente Trump hanno a lungo dimenticato le parole di Salomone su come " distinguere il bene dal male ", hanno chiamato il suo discorso di insediamento " oscuro e provocatorio " , e l'avviso del Wall Street Journal che afferma " non ha veramente nessuno, ma solo coloro che hanno votato per lui ", conclude la relazione, questo nuovo leader massone d'America, in realtà, ha più potere di tutti i suoi nemici dell'elite messi insieme dalla parte di coloro che hanno votato per lui, e come evidenziato da oltre 13 milioni di cacciatori e 70 milioni di possessori di arminegli Stati Uniti con il quale Trump può chiamare in un  momento con un avviso per difenderlo (e lui può immediatamente perdonare tutti) - senza lasciare che  nessuno si chieda com'è il suo " piano " è (se necessario), come ha già affermato in difesa del presidente turco Recep Erdogan lo scorso anno, che a fronte di un colpo di stato guidato dalla CIA , ha chiamato il suo popolo a difenderlo, lo  hanno fatto immediatamente, provocando in Trump la dichiarazione: 


Sembra sia un colpo di stato militare quello che è in corso in Turchia, e stanno prendendo il loro paese! Sarà lo stesso negli Stati Uniti se sarò Presidente.

Fonte tratta dal sito .