domenica 10 giugno 2018

Zodiac e i delitti di Santa Rosa

Zodiac Killer, o Zodiac, è stato un serial killer statunitense che per circa dieci mesi tenne la California settentrionale in sacco tra la fine degli anni Sessanta del Ventesimo secolo e i primi anni Settanta. Egli stesso si firmò con questo nome in una serie di lettere di sfida alla stampa datate fino al 1974. Le lettere di Zodiac contenevano quattro crittogrammi, vale a dire messaggi cifrati, tre dei quali rimangono ancora oggi senza soluzione. Zodiac uccise cinque persone nelle località di Benicia, Valljo, Berryessa Lake e San Francisco tra il dicembre 1968 e l’ottobre 1969: quattro uomini e tre donne di età comprese fra i 16 e i 29 anni; due di loro, i maschi, sopravvissero alle aggressioni. A Zodiac sono state attribuite anche numerose altre vittime, malgrado non ci fossero sufficienti prove per la conferma.
L’identità del killer rimane ad oggi sconosciuta, anche se in effetti un sospettato all’epoca ci fu. E proprio questo sospettato lega Zodiac ai delitti di Santa Rosa, efferati omicidi assai meno conosciuti di quelli attribuiti a Zodiac. Nei fatti è avvenuto che il grande clamore mediatico dato a Zodiac, alle sue lettere in parte ritenute vere e in parte false, e agli articoli a lui dedicati da un famoso giornalista del Chronicle Paul Every, oscurasse i delitti di Santa Rosa, una vicenda assai più misteriosa e significativa. Mentre la storia di Zodiac diventava un film con Clint Eastwood che uscì nelle sale il 23 dicembre 1971, dal titolo ‘Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo!’, si apprestava ad entrare in azione un serial killer proprio nelle stesse zone, e che uccise con le stesse modalità di Zodiac. Questo ‘secondo’ serial killer che operò a Santa Rosa non fu mai così ‘famoso’ come Zodiac, e uccise indisturbato dal 1972 al 1973. Ma il principale sospettato di essere Zodiac abitava proprio a Santa Rosa.


Tra il 1972 e il 1973 a Santa Rosa, in California, accaddero sette misteriosi delitti: sette giovani donne furono uccise e a tutt’oggi i loro omicidi sono irrisolti. Tutte le vittime erano autostoppiste. Tutte furono trovate nude in zone rurali vicino a ripidi argini o nel letto di un torrente vicino alla strada. Le ragazze furono rapite tra Sonoma County e Santa Rosa nell’area di North Bay. Furono uccise altrove e scaricate poi dove furono ritrovate. L’assassino si tenne i loro vestiti e prese un orecchino d’oro da ognuna di loro. Le legò, strangolò e pugnalò. Solo una, Carolyn Davis di quindici anni, fu avvelenata con la stricnina, mentre Therese Diane Walsh di ventitré anni fu anche violentata.
Sebbene molte persone, nel corso degli anni, siano state sospettate di essere Zodiac, solo su una, Arthur Leigh Allen, la polizia indagò seriamente. Nel luglio del 1971 un amico di Allen riferì i suoi sospetti su di lui al Dipartimento di Polizia di Manhattan Beach, California. Allen fu subito interrogato dalla polizia di San Francisco e affermò, senza essere stato sollecitato, che il giorno dell’aggressione di Zodiac al Lago Berryessa teneva in auto dei coltelli insanguinati che gli erano serviti per uccidere dei polli; disse anche di avere letto il libro ‘La partita più pericolosa’, un breve racconto di  Richard Connel del 1924, da cui era stata ripresa la frase che definiva l’uomo come “animale più pericoloso da cacciare”; questa frase era contenuta anche in una lettera di Zodiac spedita alla stampa.
Allen fu l’unico sospettato contro cui la polizia ebbe abbastanza prove a carico per eseguire non uno ma tre mandati di perquisizione: il 14 settembre 1972, il 14 febbraio 1991 e il 28 agosto 1992, due giorni dopo la sua morte avvenuta per un infarto.
Egli possedeva una casa mobile al Sunset Trailer Park di Santa Rosa proprio al tempo degli omicidi di Santa Rosa. Era stato licenziato dal suo posto di insegnante della scuola elementare di Valley Springs per sospette molestie su minori nel 1968, e nel 1972 frequentava a tempo pieno il Sonoma State College. Allen fu stato arrestato il 27 settembre 1974 dall’ufficio dello sceriffo della contea di Sonoma perché accusato di molestie su minori in un caso non correlato né con Zodiac né con i delitti di Santa Rosa. Si dichiarò colpevole il 14 marzo 1975 e fu  imprigionato nell’ospedale statale di Atascadero fino alla fine del 1977. Robert Graysmith, nel suo libro ‘Zodiac Unmasked’, afferma che uno sceriffo della contea di Santa Rosa gli rivelò che erano stati trovati peli di scoiattolo su tutte le vittime dei delitti di Santa Rosa e che Allen allevava e studiava la stessa specie nella sua casa mobile. Allen – come ho scritto più sopra – fu il principale sospettato nel caso Zodiac dal 1971 fino all’ottobre 2002, dieci anni dopo la sua morte, quando il suo DNA fu confrontato con un profilo parziale del DNA ottenuto dalla saliva recuperata sul lato inferiore di un francobollo e buste inviate alla stampa da Zodiac. I risultati però non furono conclusivi.
Il killer dello zodiaco è ritornato giorni fa sui giornali italiani. Il 30 maggio 2018 è uscita sul giornale La Nazione ( https://www.lanazione.it/firenze/cronaca/misteri-mostro-1.3946422 ) la notizia che un ottantaduenne ex ufficiale americano di origine italiane affermava di essere Zodiac. Di più affermava di avere ucciso anche nei delitti del Mostro di Firenze. In questi ultimi giorni, a tutta questa storia si è aggiunta la confessione di Angelo Izzo ( http://www.ilfriuli.it/articolo/Cronaca/Izzo,_massimo_riserbo_sulle_confessioni_di_uno_dei_mostri_del_Circeo/2/181436 ) che collega la sparizione di una ragazza, Rossella Corazzin, alla vicenda del Mostro di Firenze.
Come fa notare nel suo articolo Stefania Nicoletti ( http://petalidiloto.com/2018/05/angelo-izzo-e-il-mostro-di-firenze-messaggi-in-codice.html ), le parole di Izzo gettano una nuova luce, quella della Rosa Rossa, sul caso della povera Rossella Corazzin ma anche sul massacro del Circeo: tutte vicende nelle quali poteri occulti e servizi segreti si mischierebbero e si ritroverebbero coinvolti in rapimenti e uccisioni di ragazze a scopi rituali.
Riavvolgendo il filo delle notizie, però, notiamo come un filo rosso colleghi tutto a Zodiac, e indirettamente anche ai delitti di Santa Rosa che non vengono mai citati.
E di questi delitti avevo in un articolo passato ( http://larapavanetto.blogspot.com/2016/12/i-delitti-di-santa-rosa-ii-i-delitti-di.html ) sottolineato un aspetto:
I delitti di Santa Rosa ebbero luogo tra il 1972 e il 1973. Anni cruciali per la politica americana, gli anni dello scandalo Watergate: furono scoperte intercettazioni illegali nel quartier generale dei democratici, ad opera di uomini legati al partito repubblicano. Sabotaggi vari a danno di candidati e personaggi pubblici democratici, attuati da uomini legati al presidente Nixon e al suo entourage. Uno degli uomini più importanti assoldati dall’entourage di Nixon per eseguire ‘trucks’, cioè lavori sporchi a danno dei democratici, era Donald Segretti. Bob Woodward e Carl Bernstein, i famosi giornalisti del Washington Post che indagarono sulla vicenda, arrivano a lui tramite una soffiata. Segretti sarà fondamentale per l’inchiesta sul Watergate. Donald Segretti era un giovane avvocato assoldato da Herbert Kabalak, avvocato di Nixon, per conto di Patrick Gray Oldman, assistente di Nixon, per svolgere particolari incarichi per il Comitato del partito Repubblicano. I ‘trucks’ appunto. Era inoltre un ex compagno di scuola di Ronald Ziegler, addetto stampa di Nixon. Donald Segretti sapeva tutto degli affari sporchi del cerchio magico di Nixon. Lavorava nel cuore stesso di quello che sarà definito come ‘Watergate’. Ora guardate le tre cartine più sotto riportate:




La prima indica Santa Rosa, la zona dei delitti.
La seconda indica la città natale di Nixon.
La terza indica la città natale di Segretti.

Pare che un territorio significativo per la nascita di personaggi che furono protagonisti assai importanti di una torbida storia ai vertici del Potere americano, giusto nel torno d’anni dei delitti di Santa Rosa, sia stato segnato da vicende sanguinose e misteriose legate al nome di una santa che rappresenta proprio la Rosa Rossa. E pare quasi che un killer (o più killers) passi dai delitti della fine degli anni Sessanta ai delitti degli anni successivi su commissione, forse.
Fonte tratta dal sito .

0 Comments: